Archivio per Dicembre, 2011

24 Dic

Nuovi collegamenti

Pubblicato da -Zeo-

Per chi volesse seguire le sorti della squadra biancorossa collegatevi su http://acicatenacalcio.blog.tiscali.it/

11 Dic

Addio Aci Catena…

Pubblicato da -Zeo-

Dopo nove anni d’incessante militanza, continua ed assidua presenza ovunque, contro ogni avversità, senza nessun’assenza in nessuna parte della Sicilia e d’Italia, quello che stiamo per scrivere è un qualcosa che non avremmo mai voluto fare.
Dopo tante trasferte e sacrifici economici, fisici, giudiziari, per portare il gruppo avanti a testa alta è arrivato il momento di mettere la parola fine a tutto questo.

Ebbene si, con il presente, vi comunichiamo che i Boys 2002 Aci Catena si sciolgono e cessano di esistere come gruppo ultras.

Le cause dello scioglimento non sono da imputare alla retrocessione in Eccellenza o ai campionati anonimi disputati negli ultimi due anni, ma si trovano in alcuni problemi interni al gruppo che hanno minato la nostra integrità e, dopo un anno di tira e molla, ci hanno fatto prendere questa decisione che, se pur molto sofferta, è l’unico passo logico da poter fare in questo momento. Tante immagini ci passano davanti in questo momento: la formazione del gruppo nel lontano 2002 nella piazza Matrice, le prime trasferte in Sicilia, gli incontri/scontri con i nemici di sempre, le prime diffide piovuteci addosso, le trasferte in tutto il sud Italia nei quattro anni di serie D, i numerosi incontri per decidere i movimenti in trasferta o per preparare una coreografia… tanti bei momenti ci hanno accomunato in questi lunghi anni di militanza per l’ideale biancorosso, ma ora è giusto farsi da parte e lasciare a chi vuole il potere di riprendere le redini in mano del tifo ad Aci Catena e, chissà, magari fare meglio di noi che abbiamo lottato sempre contro tutto e tutti senza lucrare ma con il solo orgoglio di gridare a testa alta… SON CATENOTO E ME NE VANTO!

Ringraziamo chi in questi anni ci ha appoggiato ed aiutato alla realizzazione di tutte le nostre iniziative ultras e non e tutti coloro che in questi anni hanno creduto in noi e ci hanno supportato, salutando con affetto gli amici di Caltanissetta e di Angri con i quali abbiamo passato momenti indimenticabili in molte occasioni, sia ultras che non.

Muoiono i Boys, ma non muoiono i nostri ideali…
ACI CATENA NEL CUORE

4 Dic

Acicatena – Trecastagni 1-0: vittoria di “rigore”

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA: Calderone; Daidone, Platanìa, Mannino, Tutone;  Ternullo (55° Romano G.), Castorina (92° Belfiore), Patti, Reitano; Scuderi, Brancato (71° Romano J.). Allenatore: Salvatore Giuffrida e Marco Coppa

TRECASTAGNI: D’Antone; Reale (67° Strano), Balsamo, Femiano A., Bertolo; Femiano F., Ponzio (80° Tosto); Di Silvestro, Russo, Giuga (67° Marziale); Inserra. Allenatore: Pier Paolo Alderisi

ARBITRO: Giuseppe Trischitta di Messina (Andrea Calabrese e Stefano Tomaso entrambi di Messina)

RETI: rig. Reitano (A)

Aci Catena - Vittoria fondamentale in una gara vuota di contenuti. Si può esprimere in una sola frase la vittoria di oggi che i catenoti hanno conquistato contro il Trecastagni. La vittoria, infatti, è figlia di una partita dai contenuti tecnici veramente bassi dove l’azione più pericolosa, è avvenuta sul giusto calcio di rigore assegnato dall’arbitro ai biancorossi e realizzato con freddezza dal giovane Reitano.

Per quasi tutti i 90 minuti si è assistito ad una partita maschia e fisica, combattuta con molta foga a centrocampo e con poche azioni degne di nota. Entrambe le squadre sono arrivate questa domenica in formazioni quasi del tutto nuove, dove nelle file catenote svettavano i ritorni di Concetto Castorina e Sebastiano Scuderi (il “bomber”, classe 1964, dei zero goal nel primo anno di serie D) mentre nelle file catenote c’era l’esordio da ex biancorosso di Cirino Russo (brutta espulsione all’esordio). Partita quindi povera di contenuti se non nell’occasione del rigore dove, dagli sviluppi di un calcio di punizione, un difensore cintura un avversario decretando il tiro dagli undici metri e la successiva rete dello juniores Reitano. Il Trecastagni ha giocato tutta la partita senza un vero e proprio schema tattico, rimanendo imbrigliato nella mischia di centrocampo, rendendo il compito dei biancorossi ancora più facile. Tra sette giorni i catenoti saranno impegnati a Gliaca di Piraino contro il Due Torri, che si trova distaccato di soli due punti in classifica. Se le prestazioni non miglioreranno rispetto a quella di oggi, ci sarà veramente da soffrire nel girone di ritorno.

-Zeo-

2 Dic

Acicatena – Trecastagni: partita della verità

Pubblicato da -Zeo-

Il derby contro il Trecastagni è un nodo fondamentale per la stagione dei biancorossi. Al di là di quello che potrebbe essere già un derby o uno scontro diretto per la sopravvivenza in campionato, la partita odierna cela dietro di sè una prova di maturità per la formazione catenota che dovrà dimostrare la compatezza e la voglia di vincere dopo questa settimana un pò travagliata fatta di sconfitte, addii eccellenti e di addii che si potrebbero consumare a breve. Oltre alle già note cessioni di Orofino, Costanzo e Russo (ce lo troveremo già questa domenica tra gli avversari) questa settimana hanno lasciato la società biancorossa il difensore Pecorino (Trecastagni), l’attaccante Varrica (Real Avola), i fratelli De Carlo,  il direttore sportivo Salvo Castorina e il portiere Paolo Saia, entrambi accasati alla Nissa in serie D: a loro si potrebbero aggiungere nella prossima settimana, sempre direzione Nissa, lo juniores Strano e l’esperto Fornaio. La società ha comunicato che di fronte a queste cessioni eccellenti sono stati ingaggiati il portiere Niceforo, il centrocampista Concetto Castorina (un ritorno per lui, anche se non ha mai lasciato di fatto un segno indelebile negli anni passati) e il difensore Salvo Campanella: diciamo molto poco in base ai pezzi da 90 andati via in questi giorni.  Il calciomercato è lungo, è vero, ma domenica si rischia seriamente di scendere in campo con una formazione totalmente rivoluzionata.

Sappiamo di una società diligente ed esperta della categoria, però non vorremmo ritrovarci dall’affrontare un campionato nelle zone alte della classifica ad uno per la lotta selvaggia alla sopravvivenza. Si spera solo di non perdere uno scontro diretto come quello con la squadra gialloblù e di sostituire con gente di categoria i parecchi partenti di questa settimana. Solo il campo ci potrà dare delle rassicurazioni: al momento ce ne sono davvero poche!

-Zeo-