Archivio per Gennaio, 2011

30 Gen

Palazzolo – Acicatena 4-1: dieci minuti fatali condannano i biancorossi

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

PALAZZOLO: Ferla; Cinolauro, Miraglia, Berti, Liga; Alderuccio, Costanzo, Gatto; Rosa (62’ Spampinato), Bonarrigo, Mirabella (49’ Scaravilla, 72’ Garofalo). A disposizione: Alibrio, Nastasi, Tornatore, Cervillera. Allenatore: Peppe Anastasi

ACICATENA: Vitale; Cavallaro, Platanìa (76’ Roccazzella), Femiano, Sanfilippo; Tringali, Novello, Napoli, Barbagallo (43’ Brancato); Reitano (59’ Reale), Di Mauro. A disposizione: Esposito, Trovato, Cavallaro, Cittadino. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Fabio Schirru di Nichelino (Domenico Nania e Sebastiano Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto)

RETI: 12° Bonarrigo (P), 71° Brancato (A), 73° Alderuccio (P), 79° Costanzo (P), 82° Costanzo (P)

PALAZZOLO ACREIDE (SR) – Crolla a 20 minuti dalla fine l’Acicatena sul terreno della capolista, perdendo una partita un pò sofferta ma che con qualche attenzione in più avrebbe fatto guadagnare un punto in chiave salvezza. Nulla di trascendentale il Palazzolo capolista che si porta subito in vantaggio con una perla su punizione del solito Bonarrigo e gestisce la gara con sufficenza sfiorando solo una volta il secondo goal con una traversa di Costanzo. Nel secondo tempo i biancorossi entrano più convinti in campo creando qualche grattacapo alla retroguardia gialloverde con delle forti accelerazioni che portano prima ad un salvataggio sulla linea di porta da parte di Cinolauro sull’attaccante catenoto Di Mauro e, finalmente, pervenendo al pareggio col giovanissimo Carletto Brancato che su punizione la mette dentro di testa. Da qui iniziano i 10 minuti di follia della retroguardia catenota che per ben due volte, prima su punizione dalla trequarti e poi su calcio d’angolo, lasciano soli in area Alderuccio prima e Costanzo poi, mettendo la partita sul 3-1. Il 4-1 arriva su un contropiede magistrale che porta alla doppietta il solito Costanzo.

Una cinquantina i presenti oggi nel settore ospiti, con buona parte catenota e qualche ultras “in borghese” senza però appendere nè pezze nè drappi, per via della protesta che continua dallo scorso campionato dalla “famosa” partita contro la Nissa. Un anno difficile e sciagurato questo, visto la squalifica di campo fino a marzo e le partite  a porte chiuse che si sono susseguite in questi tempi: la speranza è che finisca il più presto possibile per riorganizzarci e ripartire tutti insieme l’anno prossimo

-Zeo-

Acicatena in azione (in maglia rosa): sullo sfondo il settore di casa…

IMG_0080

28 Gen

Palazzolo – Acicatena: importante sfida alla nuova capolista

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Ci siamo finalmente. Dopo trasferte vietate, campi a porte chiuse e via discorrendo, domenica i biancorossi saranno attesi dalla capolista Palazzolo sul proprio terreno amico ma potranno finalmente contare sull’apporto dei propri tifosi.

Partita difficile quella che attende i biancorossi, visto che si giocherà sul terreno amico della capolista che farà di tutto per accapararsi i tre punti distaccandosi così dal Biancadrano e dal Real Avola (rispettivamente secondi e primi in campionato) che domenica si affrontano tra di loro nello scontro diretto. Per ottenere i tre punti, il Palazzolo butterà in campo l’artiglieria pesante con Rosa, Bonarrigo e Berti che svettano su tutta la rosa, guidati da quel Peppe Anastasi che lo scorso anno fece favile ad Aci San Filippo in Prima Categoria. L’Acicatena, dal canto suo, si presenta con tutta la rosa al completo dai rivali gialloverdi, affidandosi ai suoi “giovani rognosi” per conquistare qualche punticino importante per la salvezza e cercare di mantenere il record di imbattibilità esterno che regge dall’inizio della stagione: non male per una squadra che punta alla salvezza, con un’età-media davvero invidiabile per la categoria. Speriamo solo che queste non siano le ultime parole famose, ma che domenica sia solamente una conferma di quanto detto fino ad ora…

23 Gen

Acicatena – Belpasso 0-0: altro pareggio per i biancorossi

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Zappalà, Sanfilippo, Femiano, Reale; A. Cavallaro (88′ F. Cavallaro),  Fornaio, Novello; Tringali, Di Mauro, Reitano (46′ Brancato). Allenatore: Lucio Tosto

BELPASSO: Di Benedetto; Cannizzo, F. A. Indelicato, Bonaccorsi, P. Leotta; Mammana, Tutone (60′ Suriano), M. Indelicato; Tosto (75′Randis), Palazzolo, Gerbino. Allenatore: Gaetano Settineri

ARBITRO: Pietro Boscia di Messina (Luca Agnello e Gianluca Peluso entrambi di Ragusa)

Taormina (ME) – Alla fine, sul neutro di Taormina, a vincere è stata la noia; non sono bastati infatti gli oltre 96′ minuti di gioco a Acicatena e Belpasso per realizzare almeno una marcatura, e dunque al triplice fischio del direttore di gara le due compagini si sono dovute accontentare di uno scialbo 0-0.
Il pari muove leggermente la classifica delle due formazioni, ma resta probabilmente il rammarico su entrambi i fronti per non aver saputo sfruttare al massimo le poche occasioni a disposizione; la sensazione è che l’Acicatena abbia sprecato un’occasione ghiotta per tirarsi su in graduatoria, mancando una vittoria che avrebbe meritato.
Il primo tempo quasi orfano di emozioni faceva registrare una conclusione su calcio piazzato, ma Femiano tirava alto, e un’azione di contropiede che Reale complice l’intervento di Di Benedetto non riusciva a trasformare in rete.
La ripresa, caratterizzata da un freddo tagliente, concedeva alle due squadre la possibilità di rivoluzionare il punteggio, ma nelle poche occasioni costruite, la palla non ne voleva sapere di rotolare dentro la rete.
Tosto al 47′ calciava alto, e al 53′ Di Mauro concludeva debolmente; al 65′ l’Acicatena recriminava su un’azione dubbia, e richiedeva il calcio di rigore per un intervento in area su Zappalà, ma Boscia lasciava proseguire.
Al 72′ l’azione più nitida da gol; Bonaccorsi lanciato dal neo-entrato Suriano a tu per tu con Vitale, provava la conclusione, ma il tiro del centrocampista veniva deviato in corner. All’86′ Fornaio di testa aveva la possibilità di realizzare il gol vittoria, ma un miracolo di Di Benedetto bloccava sul nascere la gioia catenota.

FONTE: Andrea Cataldo de “LA SICILIA”

16 Gen

Santa Croce – Acicatena 0-0: buon punto esterno

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

SANTA CROCE: Annese; Mazzone,Mancarella (85° Fazio), Castro (88° D’Agosta), Guarino; D’Iapico, Scifo, Romeo; Rametta (34° Incardona), Rizzo, Virga. Allenatore: Andrea Di Giacomo

ACICATENA: Vitale; Reale (82° Costanzo), Platanìa, Femiano, Sanfilippo; Cavallaro, Fornaio, Tringali; Ierna (72° Brancato), Di Mauro, Reitano (75°’st Novello). Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Marco Petruzzelli di Siracusa (Antonio Giambrone e Marco Sciortino di Agrigento)
Santa Croce Camerina (RG) - Nella partita che doveva decretare il ritorno alla vittoria del Santa Croce, dopo i nuovi acquisti e il rientro dagli infortuni di uomini importanti, ci pensa l’Acicatena a scombinare tutti i pronostici della vigilia imponendo un deludente 0-0 alla squadra di casa e portandosi via un punto, importante nell’economia della lotta per non essere invischiati nella
lotteria dei playout.
Ai punti, come nel pugilato, avrebbe vinto il Santa Croce. Ma nel calcio vince chi segna e la squadra di casa ci è andata vicinissima al gol, non riuscendo a realizzarlo. Non ci riusciva al 15’ della prima frazione di gioco quando Rizzo, imbeccato alla perfezione da una palla fatta filtrare fra due difensori da Romeo, nel cercare di spiazzare il portiere angolava troppo il tiro collocando la palla di un filo a lato della porta. Cinque minuti dopo l’occasione da gol si ripeteva. Romeo si smarcava sulla linea di fondo dell’area destra, crossava con Rizzo che di un soffio non riusciva a intervenire per la deviazione in rete. Al 40’ intervento in area di un difensore su Virga che, sbilanciato, cadeva a terra, facendo gridare al rigore i locali. Il direttore di gara non concedeva la massima punizione. Al 2’ della ripresa su punizione
di Romeo, Vitale respingeva, tirava Castro e il portiere deviava in angolo. Al 7’ Virga entrava in area dalla destra e produceva un tiro a pallonetto che impegnava Vitale in una prodigiosa parata. Al 14’ altra punizione pennellata perfettamente in area da Romeo dove nessun compagno riusciva ad intervenire. Nell’ultima mezz’ora il S. Croce calava di tono.

FONTE: Federico Depasquale

14 Gen

Santa Croce – Acicatena: nuovo scontro diretto in nostra assenza

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Come da comunicato ricevuto dalla Lega Sicula:

CAMPIONATO DI ECCELLENZA
Girone B
Santa Croce/Acicatena del 16.1.2011 ore 14.30
Giocasi sul campo Comunale di Santa Croce Camerina in assenza della tifoseria ospite

LA NOSTRA PERICOLOSITA’ CI PRECEDE…

COSA NON SI FA PER DANNEGGIARCI... MAH!

8 Gen

Spadaforese – Acicatena 1-4: si comincia col botto

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1
SPADAFORESE: Frazzica; Broccio, Pagliarin (56° Scibilia, 66° La Spada), Durante, Giglio; Chimirri, Vitale (46° La Macchia), D’Arrigo; Tavilla, Mento, Cucè. Allenatore: Santino Errante

ACICATENA: Vitale; Trovato, Platania (66° Sanfilippo), Femiano F., Zappalà; Tringali (75° Napoli), Reale (73° Barbagallo), Fornaio; Ierna, Di Mauro, Reitano. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Fabbro Riccardo di Roma 2 (Giunta Giuseppe Maria e Balzarini Sergio entrambi di Enna)

RETI: 5° e 48° Ierna (A), 62° Di Mauro (A), 64° rig. Femiano (A), 77° D’Arrigo (S)

Venetico Marina (ME) -  L’anno nuovo si apre per la Spadaforese con una pesante sconfitta interna ad opera di un Acicatena ben registrato nei reparti, spigliato, concreto. Doveva essere per i locali un avversario abbordabile, quello etneo, si è rivelato invece con una marcia in più, ancorché dotato di una coppia d’attacco come Ierna e Di Mauro, in grado di godersi al meglio la giornata, anche in virtù di
servizi preziosi dalle fasce. Ed è stato un disastro per la difesa locale, dove hanno fatto capolino ingenuità e malintesi, rivelatisi esiziali, pienamente sfruttati da un complesso ancora imbattuto fuori casa. Per i ragazzi di Errante, non in giornata, peraltro schierati con l’unica punta disponibile (Tavilla), non resta che l’attenuante di non aver potuto presentare la formazione tipo e l’ennesima beffa patita appena in apertura con il gol a sorpresa di Ierna (5’), abile a controllare in area una palla rinviata dalle retrovie e a sorprendere con il riflesso tipico del bomber il suo diretto controllore e il portiere, decisamente assonnati. I catenosi fanno le prove del raddoppio su angolo di Fornaio (11’) con palla che picchia sulla traversa e vanno vicini al gol (16’) con una fuga di Di Mauro, che coglie l’esterno delle rete. La Spadaforese si propone con alcuni angoli e si avvicina al pari con Vitale che al 28’, ricevuta palla da Mento si incarta. Fa le prove allora Tavilla, fermato in area in maniera non proprio pulita.

Si spera nella ripresa che si apre con un tiro di Tavilla, deviato in angolo daVitale (47’), ma è fuoco di paglia subito spento (48’) da una micidiale ripartenza Tringali-Fornaio-Ierna, tanto bella da far passare inosservato un sospetto fuorigioco in fase di impostazione. La Spadaforese accusa il ko, barcolla, ma non mostra adeguata reazione. Non solo manca la lucidità, ma anche la testa come dimostra l’assurdo nervosismo di La Macchia, che scarica a gioco fermo una palla su avversari a terra facendosi espellere (59’). In 10 c’è poco da sperare, anche perché intanto si riacutizza la contrattura per Fabio Scibilia, da poco gettato in mischia. Non può sorprendere il “buco” lasciato da gente esperta, come Broccio e Giglio, a Di Mauro (62’). Gli ospiti fanno poker su rigore con capitan Femiano per fallo su Reitano. La rete della bandiera arriva al 77’ con D’Arrigo con un pallonetto dalla distanza.

FONTE: Franco Alacqua