Archivio per Dicembre, 2007

31 Dic

TANTI AUGURI DI BUON 2008 DAI BOYS 02 ACICATENA!!!

Pubblicato da -Zeo-

Ed eccoci tornati. Dopo un anno fatto di soddisfazioni, delusioni e grandi gioie tra poche ore entreremo nel 2008. Per festeggiare quest’importante avvenimento ripercorreremo quest’anno attraverso delle foto storiche che rimarranno immortali dopo quest’articolo…

Si incomincia da gennaio e la sconfitta contro il Savoia che porta all’esonero di mister Lucio Tosto. La fine di un’era secondo alcuni, visto che mister Tosto in soli 6 anni portò l’Acicatena dalla prima categoria fino al sogno chiamato serie D. Il suo posto sarà preso da mister Pippo Strano, detto Pippo fungia, che farà tanto bene ma che alla lunga… Noi Boys seguiremo la nostra squadra sia in casa e sia nella memorabile trasferta di Comiso, dove assisteremo ad un’intensa giornata ultras con lo scoppio di una ruota, un pranzo particolare e una partita infuocata sugli spalti e non…

Leggi tutto..

24 Dic

TANTI AUGURI DI BUON NATALE DAI BOYS 02 ACICATENA!!!

Pubblicato da -Zeo-

Per questo Natale, noi Boys 02 Acicatena vogliamo essere molto buoni con tutti e, per dirvelo, useremo delle simpatiche immaggini natalizie che augureranno un Buon Natale a tante tipologie di persone….

Leggi tutto..

24 Dic

Cronaca alternativa di Nocerina – Acicatena by -Zeo-

Pubblicato da -Zeo-

L’appuntamento è alle 3 e mezza in Piano Umberto. Al mio arrivo trovo la piazza completamente deserta e da lontano vedo un losco individuo: si tratta di Nino Bact che oggi ci darà l’onore di partire con noi per una bella trasferta. Pian piano, da tutti gli angoli, spuntano tutti quanti e una volta arrivati i furgoni siamo finalmente pronti per partire. L’atmosfera e l’allegria è tanta dentro il furgone e già dal casello di Giarre iniziano le danze di divertimento. Dopo una sosta non prevista a Calatabiano corriamo verso i traghetti e con molta fortuna riusciamo a prendere il traghetto delle 5:00: una volta saliti su, come sempre, è grande festa tra qualche sigaretta e una colazione abbondante per una fame inspiegabile.

Leggi tutto..

22 Dic

Tutti insieme a Nocera Inferiore!!!

Pubblicato da -Zeo-

Ed eccoci tornati dopo una settimana veramente movimentata per assistere alla partita NocerinaAcicatena.

E’ inutile sottolineare l’importanza storica di questa partita visto che la squadra molossa è una nobile decaduta del calcio meridionale, il suo stadio, il "San Francesco", ha ospitato squadre del calibro di Piacenza, Perugia, Catania e per giunta la Juventus, in una gara di Coppa Italia, annovera nel suo organico giocatori del calibro di Spicuzza, Mangiapane e Piemonte e viene da 2 vittorie e da molti risultati positivi e continui che l’hanno stabilizzata in terza posizione. L’Acicatena, invece, non vive un momento d’oro visto che ha vissuto una settimana movimentata per i risultati non proprio favorevoli e le esagerate squalifiche di Pipitò e Russo, settimana movimentata anche in sede di mercato visto l’arrivo di Giacomo Bontempo e il ritorno di Giovanni Celso da Acireale e, soprattutto, viene da una brutta sconfitta esterna a Vittoria. Domani solamente con tanta umiltà, tanto coraggio e tanta abnegazione si può provare a fare l’impresa storica di conquistare punti pesanti su un campo "importante".

Leggi tutto..

21 Dic

Stop ai volti coperti

Pubblicato da -Zeo-

Ecco, come se non bastasse, altre repressioni in vista per noi ultras

Leggi tutto..

16 Dic

Cronaca alternativa di Vittoria – Acicatena by -Zeo-

Pubblicato da -Zeo-

Ci ritroviamo tutti quanti alle 8:30 davanti al club per partire ed andare a pranzare con i nostri fratelli vittoriesi. C’è grande attesa nell’aria per la giornata che ci aspetta, ma, a distrarci un pò dall’attesa, manca il solito il solito Turi u skatenatu che arriva solamente alle 9:15 dopo ripetute minacce telefoniche da parte di tutti: per questa prima partenza siamo in 20, ma gli altri si uniranno direttamente a Vittoria. La prima fermata per tradizione è sempre all’SP e dopo un rifornimento e una sigaretta veloce ci mettiamo in viaggio direzione Vittoria. La strada è molto tranquilla a parte la nostra imbecillità al volante e, quando prendiamo la famosa scorciatoia "d’acchianata do scussuni" dove facciamo molti incontri con le signorine dai facili costumi, il viaggio diventa ancora più piacevole. Dopo un viaggio abbastanza tranquillo e sotto degli acquazzoni improvvisi e violenti arriviamo a Vittoria; ci stanziamo davanti lo stadio dove arrivano alcuni dei fratelli vittoriosi e, dopo i soliti "vasuni" d’occasione, ci fanno strada per andare al loro club, ma, durante le manovre di partenza, non si accorgono che la nostra macchina, dove c’eravamo io, Guevara, Puddicinu e Eliu, e quella di Turi u skatenatu, dove c’erano lui, Minichello, Mostaccio e Rapaneddu, restano fermi al semaforo rosso. E’ l’inizio delle nostre fantasmagoriche avventure che ci portano a vagabondare per mezz’ora buona nelle strade vittoriosi a cercare la Via Bixio dove facciamo incontri, uno più disparato dell’altro, con giovani pazzi, vecchi confusi, stranieri immigrati, persone che chiedevano informazioni a noi e gruppi di scout che cantavano in mezzo la strada: insomma il meglio del meglio! Finalmente arriviamo al club con 10 € in meno nella scheda telefonica, per le chiamate effettuate, e senza neanche Turi u Skatenatu che, perdutosi nei misteriosi meandri del centro vittoriose, arriva ancora dopo di noi. Finalmente si entra in questo famoso club e, dopo un brindisi generale a base di vino, cori per la libertà degli ultras e per Turi Ottone (giovane tifoso vittoriose scomparso), ci mettiamo a mangiare, come se avessimo un’incredibile fame chimica, arancini e pizza portata dai fratelli vittoriosi: il tutto è condito da altri cori, tantissimo vino di casa, altro divertimento crescente, brindisi a ruota e pasticcini vari. Dopo esserci ridotti delle merde siamo pronti per la partita e così ci dirigiamo allo stadio dove ci ricongiungiamo con gli altri catenoti che non erano con noi raggiungendo quota quaranta. Dopo essere entrati, non senza qualche problema con "i nostri cari amici" per una pezza non gradita, ci mettiamo sugli spalti del settore ospiti e, all’ingresso in campo delle squadre, tiriamo fuori tre striscioni a mano dove vi era scritto "IN QUESTO CALCIO MALATO CONTA SOLO LA NOSTRA AMICIZIA" ricevendo un calorosissimo applauso dalla curva "Turi Ottone".

Subito ci disponiamo dietro le pezze dei Boys 02 e degli Skatenati 05, gli striscioni del Gruppo Storico e degli Sballati 07 e lo striscione unico "Acicatena Ovunque"; la partita inizia subito male visto che due dei nostri crollano sotto i fumi dell’alcool: Minichello passa quasi 90 minuti dietro la gradinata cercando di vomitare, ma il tutto con scarsi risultati, mentre Mostaccio crolla letteralmente in un lungo coma etilico risvegliandosi solamente al 70° convinto che la partita sia appena iniziata. Tutto ciò non ci demoralizza e dopo averli assecondati e sincerati delle loro saluti ci mettiamo a cantare in grande stile, sia per il trattamento ricevuto precedentemente e sia perché la squadra sembra esserci oggi caricando anche noi: iniziamo con cori secchi e decisi, intervallati da quelli lunghi ritmati e per completare con battimani e boati che ci fanno sentire in tutto lo stadio. Oggi sembra che ci siamo, ma pian piano la squadra inspiegabilmente inizia a mollare, mostrando i suoi grandi limiti, e vuoi per il goal subito dal Vittoria, vuoi per una conduzione arbitrale confusionario e senza senso che ci costringe molte volte ai margini della recinzione per capire cosa sta succedendo caliamo un pò anche noi verso gli ultimi 10 minuti. I vittoriosi in curva oggi sono solo una cinquantina compatti dietro gli striscioni Ultras Vittoria, Ovunque Persi Vittoria, Turi Vive, "Finchè Morte non ci Separi" e uno striscione dove si recitava "+ rispetto X gli ultras": cantano bene per quasi tutti i 90 minuti alternando lungi cori con battimani e qualche sbandierata e una sciarpata. Nel secondo tempo il ritmo del nostro tifo riprende abbastanza bene, ma dopo un quarto d’ora caliamo di botto vedendo lo spettacolo indegno che sta offrendo la partita: un’Acicatena in superiorità numerica non riesce a produrre gioco, affidandosi solo alle intuizioni dei singoli o ai lanci lunghi. Se non arriva qualcuno a rinforzare l’organico, visto che prima mettiamo i giocatori in lista di svincolo e poi, forse, prendiamo altri, siamo davvero fregati…

Leggi tutto..

15 Dic

Tutti insieme a Vittoria!!!

Pubblicato da -Zeo-

Ed eccoci di nuovo qui. Dopo una settimana allucinante costellata da notizie un pò assurde, come la messa in lista di svincolo di Giancarlo Mossa e Salvo Aleo, il presunto mancato arrivo del centrocampista Giovanni Costanzo e dell’acquisto a sorpresa di Blondel Tabuhi da parte dell’Aciplatani, assisteremo alla partita VittoriaAcicatena.

Come si può immaginare, domani è una gara assai difficile visto che l’Acicatena viene da un pareggio assurdo contro l’Ippogrifo Sarno (conquistato al 93° nonostante la superiorità numerica) e da una settimana un pochino movimentata; il Vittoria anche se non attraversa un buon periodo di forma visto che viene dai due pareggi, 1-1 a Paternò e un altro 1-1 casalingo contro il Campobello, e una sconfitta a Bacoli contro la Sibilla Flegrea, è sempre una squadra da prendere con le molle visto che può contare su giocatori come Misiti, Cangiano, Mandarano e Di Piazza che, con una giocata delle loro, possono risolvere la partita in ogni momento. Detto questo si può capire la difficoltà della partita che, però, non deve essere affrontata con paura ma con la consapevolezza di potersela giocare con tutti senza avere da subito ansie e pressioni particolari.

Leggi tutto..

9 Dic

Cronaca alternativa di Acicatena – Ippogrifo Sarno by -Zeo-

Pubblicato da -Zeo-

Dopo aver dato compito a Minichello di appendere gli striscioni allo stadio durante le ore mattutine, per vari problemi di lavoro e non ci troviamo tutti quanti direttamente alle 14:00 nello piazzale antistante l’ingresso del Polivalente. Entriamo quasi subito in tribuna, notando una discreta presenza di pubblico sugli spalti e la presenza di uno striscione granata con la scritta "Sarno" messo sulle scalinate del settore ospiti con due ragazzi a lato; tra qualche salutare sigaretta, qualche chiacchierata e vari commenti sulla partita di oggi ha inizio la gara.

Ci disponiamo dietro gli striscioni dei Boys, del Gruppo Storico, degli Sballati 07 e la pezza degli Skatenati 05 e iniziamo con dei bei cori secchi e qualche sbandierata per riscaldarci. I cori continuano, anche se tra qualche difficoltà vista l’apatica partita sul campo e la poca voglia di alcuni strambi individui, e sono rivolti alla squadra, alla maglia, alla libertà degli ultras, ai diffidati e, assieme ai cori, aggiungiamo dei bei battimani che rimbombano nel silenzio dello stadio. Dopo qualche difficoltà arriviamo all’intervallo dove ci riforniamo di alcool, sigarette e le attesissime noccioline che a zzà Maria ci porta in ogni partita casalinga. Nel settore ospiti nulla si muove e i due ragazzi vicino lo striscione restano in silenzio per tutta la partita senza proferir parola alcuna. Inizia il secondo tempo e iniziamo a cantare pure noi ma molto lentamente fino al goal su rigore di Costa che ci da nuova linfa, soprattutto a Mario testa ‘efummaggiu, per andare avanti ma, da questo momento in poi, assistiamo ad una partita assurda. La signora Farinelli, arbitro dell’incontro, inizia ad ammonire ed espellere qualsiasi persona le capiti a tiro, dimostrando poco polso sui giocatori in campo e facendo surriscaldare gli animi senza motivo; la squadra in campo, nonostante giochi in undici contro nove, è maliziosa e gioca come se già la partita l’avesse vinta subendo due goal pazzeschi; infine dobbiamo parlare dell’assistente n. 2 Altomonte Carmelo: mai visto un’assistente così scandaloso visto che sul primo goal dell’Ippogrifo su punizione (molto bello tra l’altro) si inventa la fantomatica leggenda che la palla entra da un buco nella rete e nella seconda marcatura della squadra campana non vede che l’attaccante Di Sabato è in fuorigioco netto di almeno 4 metri… assurdo non vedere un fuorigioco così netto! Dopo il goal dell’1-2 cantiamo altri due cori e poi ci accingiamo solamente a fare casino e spingere la squadra al pareggio che arriva per opera del bomber tascabile Melino solo al 94°. All’ingresso negli spogliatoi laviamo gli assistenti con dei gargarismi e li minacciamo un po’, ma alla fine non succede niente di che, anche perché i "cari amici" fanno buona guardia. Ci ritroviamo tutti all’ingresso degli spogliatoi per commentare i risultati di oggi e aspettare i commenti altrui. Dopo altra birra e altre sigarette carichiamo striscioni e tutto e ci dirigiamo verso le nostre abitazioni.

Leggi tutto..

8 Dic

Aspettando Acicatena – Ippogrifo Sarno

Pubblicato da -Zeo-

Ed eccoci qua. Finalmente, dopo una settimana vissuta in modo veramente tranquilla, domani assisteremo alla partita AcicatenaIppogrifo Sarno.

L’Acicatena viene da un bel pareggio in terra campana, conquistato nella tana del "G. Morra" di Vallo della Lucania, ha 18 punti in classifica che la proiettano all’ottavo posto in classifica, viene da tre risultati utili consecutivi e vive in una condizione di tranquillità mentale davvero invidiabile. L’Ippogrifo Sarno, invece, viene dalla sconfitta interna nello scontro diretto contro il Paternò, è ultimo in classifica a quota 12 punti e vive questa partita in piena apprensione perché non può perdere ancora punti importanti contro una diretta concorrente per la salvezza. A prima impressione può sembrare una passeggiata di salute domani, ma non è così perché la formazione sarnese è una squadra davvero ostica visto che è molto "arrabbiata" per la sconfitta subita domenica scorsa, ha vinto già ben due volte fuori casa (Castrovillari e Campobello) e che ha nell’attaccante Tortora il fiore all’occhiello della squadra. Partita non semplice dunque ma alla portata della compagine catenota che cerca punti importanti per continuare la striscia positiva verso la salvezza.

Leggi tutto..

3 Dic

Cronaca alternativa di Gelbison Cilentovallo – Acicatena by -Zeo-

Pubblicato da -Zeo-

Alle 5:30 ci ritroviamo tutti in Piano Umberto. Purtroppo oggi molti impegni di lavoro, di famiglia e problemi di testa hanno fatto diminuire il nostro gruppo che di solito si aggira sempre dai venti ultras in poi: oggi siamo solo in nove! Dopo un primo caffè dal nostro bar di fiducia ci incamminiamo verso i traghetti in compagnia della classica musica napoletana e di qualche discussione sulla situazione che ci aspetta oggi, essendo così in pochi. Sul traghetto incontriamo un gruppo di ultras paternesi, ma non si verifica niente visto l’indifferenza tra le due tifoserie. Una volta sbarcati a Reggio Calabria ci mettiamo in viaggio e di gran carriera arriviamo presto all’area di sosta di Pizzo Calabro dove, dopo un buon caffè, una salutare sigaretta e qualche acquisto "a buon prezzo", ci rimettiamo di nuovo in viaggio e tra discussioni sui vari ultras d’Italia, sulle donne e attraversando zone dove la nebbia non ci faceva vedere bene le macchine che avevamo accanto arriviamo all’area di servizio di Tarsia (CS). Qui la sosta è veloce e dopo una sosta al bagno, altre sigarette salutari, altri acquisti "a buon prezzo" e qualche foto ricordo ci rimettiamo in viaggio e, con una condotta di guida paragonabile a quella di Alonso, Big Spiderman, tra un balletto e l’altro con la spalla, ci fa arrivare a mezzogiorno a Padula e da li, grazie a qualche informazione di vari personaggi del luogo (a proposito, ma tutti noi li dobbiamo trovare?) arriviamo all’una a Vallo della Lucania, dove veniamo subito accolti da un freddo e da una pioggerellina che non ci fa ben sperare per la partita.

Leggi tutto..

1 Dic

Tutti insieme a Vallo della Lucania!!!

Pubblicato da -Zeo-

Dopo gli ottimi, e vitali, tre punti ottenuti domenica scorsa contro il Caserta, domani ci appresteremo a seguire una lunga trasferta in terra campana per assistere alla partita Gelbison CilentovalloAcicatena.

Settimana importante quella trascorsa dalla compagine biancorossa che affronta questa gara non potendo contare su 4 uomini (Cutrufello, Assenzio, Nasca e Costa) ma contando su una serenità mentale e fisica quasi invidiabile. Un’altra motivazione importante per la partita di domani è la situazione in classifica: l’Acicatena ha 18 punti e, a tre giornate dalla fine, l’obbiettivo è arrivare a 22-23 punti per non dover soffrire come lo scorso anno. La Gelbison, invece, dall’alto dei suoi 24 punti in classifica ritorna finalmente nella tana del "G. Morra" non attraversando un buon periodo di forma, però, visto che arriva dal pareggio interno contro il Campobello e la sconfitta di Paternò, che occupa ancora l’ultimo posto in classifica. Con questi dati si può ben capire che la gara di domani può essere molto insidiosa sia per l’una e sia per l’altra squadra e che i punti in palio sono importanti per entrambe le formazioni.

Leggi tutto..