24 Dic

Nuovi collegamenti

Pubblicato da -Zeo-

Per chi volesse seguire le sorti della squadra biancorossa collegatevi su http://acicatenacalcio.blog.tiscali.it/

11 Dic

Addio Aci Catena…

Pubblicato da -Zeo-

Dopo nove anni d’incessante militanza, continua ed assidua presenza ovunque, contro ogni avversità, senza nessun’assenza in nessuna parte della Sicilia e d’Italia, quello che stiamo per scrivere è un qualcosa che non avremmo mai voluto fare.
Dopo tante trasferte e sacrifici economici, fisici, giudiziari, per portare il gruppo avanti a testa alta è arrivato il momento di mettere la parola fine a tutto questo.

Ebbene si, con il presente, vi comunichiamo che i Boys 2002 Aci Catena si sciolgono e cessano di esistere come gruppo ultras.

Le cause dello scioglimento non sono da imputare alla retrocessione in Eccellenza o ai campionati anonimi disputati negli ultimi due anni, ma si trovano in alcuni problemi interni al gruppo che hanno minato la nostra integrità e, dopo un anno di tira e molla, ci hanno fatto prendere questa decisione che, se pur molto sofferta, è l’unico passo logico da poter fare in questo momento. Tante immagini ci passano davanti in questo momento: la formazione del gruppo nel lontano 2002 nella piazza Matrice, le prime trasferte in Sicilia, gli incontri/scontri con i nemici di sempre, le prime diffide piovuteci addosso, le trasferte in tutto il sud Italia nei quattro anni di serie D, i numerosi incontri per decidere i movimenti in trasferta o per preparare una coreografia… tanti bei momenti ci hanno accomunato in questi lunghi anni di militanza per l’ideale biancorosso, ma ora è giusto farsi da parte e lasciare a chi vuole il potere di riprendere le redini in mano del tifo ad Aci Catena e, chissà, magari fare meglio di noi che abbiamo lottato sempre contro tutto e tutti senza lucrare ma con il solo orgoglio di gridare a testa alta… SON CATENOTO E ME NE VANTO!

Ringraziamo chi in questi anni ci ha appoggiato ed aiutato alla realizzazione di tutte le nostre iniziative ultras e non e tutti coloro che in questi anni hanno creduto in noi e ci hanno supportato, salutando con affetto gli amici di Caltanissetta e di Angri con i quali abbiamo passato momenti indimenticabili in molte occasioni, sia ultras che non.

Muoiono i Boys, ma non muoiono i nostri ideali…
ACI CATENA NEL CUORE

4 Dic

Acicatena – Trecastagni 1-0: vittoria di “rigore”

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA: Calderone; Daidone, Platanìa, Mannino, Tutone;  Ternullo (55° Romano G.), Castorina (92° Belfiore), Patti, Reitano; Scuderi, Brancato (71° Romano J.). Allenatore: Salvatore Giuffrida e Marco Coppa

TRECASTAGNI: D’Antone; Reale (67° Strano), Balsamo, Femiano A., Bertolo; Femiano F., Ponzio (80° Tosto); Di Silvestro, Russo, Giuga (67° Marziale); Inserra. Allenatore: Pier Paolo Alderisi

ARBITRO: Giuseppe Trischitta di Messina (Andrea Calabrese e Stefano Tomaso entrambi di Messina)

RETI: rig. Reitano (A)

Aci Catena - Vittoria fondamentale in una gara vuota di contenuti. Si può esprimere in una sola frase la vittoria di oggi che i catenoti hanno conquistato contro il Trecastagni. La vittoria, infatti, è figlia di una partita dai contenuti tecnici veramente bassi dove l’azione più pericolosa, è avvenuta sul giusto calcio di rigore assegnato dall’arbitro ai biancorossi e realizzato con freddezza dal giovane Reitano.

Per quasi tutti i 90 minuti si è assistito ad una partita maschia e fisica, combattuta con molta foga a centrocampo e con poche azioni degne di nota. Entrambe le squadre sono arrivate questa domenica in formazioni quasi del tutto nuove, dove nelle file catenote svettavano i ritorni di Concetto Castorina e Sebastiano Scuderi (il “bomber”, classe 1964, dei zero goal nel primo anno di serie D) mentre nelle file catenote c’era l’esordio da ex biancorosso di Cirino Russo (brutta espulsione all’esordio). Partita quindi povera di contenuti se non nell’occasione del rigore dove, dagli sviluppi di un calcio di punizione, un difensore cintura un avversario decretando il tiro dagli undici metri e la successiva rete dello juniores Reitano. Il Trecastagni ha giocato tutta la partita senza un vero e proprio schema tattico, rimanendo imbrigliato nella mischia di centrocampo, rendendo il compito dei biancorossi ancora più facile. Tra sette giorni i catenoti saranno impegnati a Gliaca di Piraino contro il Due Torri, che si trova distaccato di soli due punti in classifica. Se le prestazioni non miglioreranno rispetto a quella di oggi, ci sarà veramente da soffrire nel girone di ritorno.

-Zeo-

2 Dic

Acicatena – Trecastagni: partita della verità

Pubblicato da -Zeo-

Il derby contro il Trecastagni è un nodo fondamentale per la stagione dei biancorossi. Al di là di quello che potrebbe essere già un derby o uno scontro diretto per la sopravvivenza in campionato, la partita odierna cela dietro di sè una prova di maturità per la formazione catenota che dovrà dimostrare la compatezza e la voglia di vincere dopo questa settimana un pò travagliata fatta di sconfitte, addii eccellenti e di addii che si potrebbero consumare a breve. Oltre alle già note cessioni di Orofino, Costanzo e Russo (ce lo troveremo già questa domenica tra gli avversari) questa settimana hanno lasciato la società biancorossa il difensore Pecorino (Trecastagni), l’attaccante Varrica (Real Avola), i fratelli De Carlo,  il direttore sportivo Salvo Castorina e il portiere Paolo Saia, entrambi accasati alla Nissa in serie D: a loro si potrebbero aggiungere nella prossima settimana, sempre direzione Nissa, lo juniores Strano e l’esperto Fornaio. La società ha comunicato che di fronte a queste cessioni eccellenti sono stati ingaggiati il portiere Niceforo, il centrocampista Concetto Castorina (un ritorno per lui, anche se non ha mai lasciato di fatto un segno indelebile negli anni passati) e il difensore Salvo Campanella: diciamo molto poco in base ai pezzi da 90 andati via in questi giorni.  Il calciomercato è lungo, è vero, ma domenica si rischia seriamente di scendere in campo con una formazione totalmente rivoluzionata.

Sappiamo di una società diligente ed esperta della categoria, però non vorremmo ritrovarci dall’affrontare un campionato nelle zone alte della classifica ad uno per la lotta selvaggia alla sopravvivenza. Si spera solo di non perdere uno scontro diretto come quello con la squadra gialloblù e di sostituire con gente di categoria i parecchi partenti di questa settimana. Solo il campo ci potrà dare delle rassicurazioni: al momento ce ne sono davvero poche!

-Zeo-

30 Nov

Acicatena – Real Avola 0-1: catenoti eliminati ai quarti di finale

Pubblicato da -Zeo-

RETI: rig. Casisa (RA)

Aci Catena (CT) - Partita scialba e senza emozioni al “Polivalente” di Aci Catena con un rigore, realizzato dal sempreverde Matteo Casisa, che regala la qualificazione alle semifinali regionali di Coppa Italia al Real Avola. Con il 2-1 dell’andata, i siracusani si sono presentati ad Aci Catena con l’intenzione di amministrare la partita e ripartire in contropiede: compito svolto egregiamente, aiutati anche da un Aci Catena arrendevole che non ha mai impensierito il portiere rossoblù, chiamato in causa solo per interventi di normale amministrazione.

Partita dunque senza storia nè emozioni per i pochi presenti nello stadio catenoto (una decina di avolesi presenti nel settore ospiti) che hanno sofferto più per il freddo pungente che per le emozioni regalate in campo, veramente scarse oggi da entrambe le parti. La qualificazione porta i siracusani ad affrontare in semifinale una formazione del girone A (Ribera o Riviera Marmi Custonaci), per poi conquistare la finale e la relativa fase nazionale messa in gioco. Il turno infrasettimanale condanna, però, ancora una volta un’Acicatena che sta uscendo con le ossa rotte dal calciomercato invernale. La situazione è un pò preoccupante perchè con le partenze di Orofino (Real Avola), Costanzo (Modica) e Cirino Russo (Trecastagni) la squadra sembra svogliata, con le gambe molli e, cosa più preoccupante, senza idee dalla trequarti in su se si esclude il solito Varrica. La dirigenza catenota dovrà intervenire al più presto con qualche innesto d’esperienza per non trasformare una tranquilla stagione da metà-alta classifica in un calvario senza fine verso posizioni molto pericolose.

-Zeo-

30 Nov

Acicatena – Real Avola: in palio la semifinale regionale

Pubblicato da -Zeo-

I quarti di finale della Coppa Italia vedranno fronteggiarsi al “Polivalente” la squadra catenota contro il temibile Real Avola. L’andata di quindici giorni fa terminò 2-1 a favore della squadra aretusea, lasciando così di fatto immutate le speranze di qualificazione della squadra biancorossa. Ovviamente non sarà semplice dato che i rossoblù vengono da ben sette risultati utili di fila in campionato, non ultima la vittoria di sabato ad Enna, mentre i catenoti, nonostante il buon andazzo in classifica dove conducono al quinto posto, vengono dalla brutta sconfitta di tre giorni fa a Taormina: ci vorranno nervi saldi e voglia di vincere per superare questo scoglio ed approdare alla semifinale regionale contro una formazione del girone A.

L’appuntamento è, come in campionato, alle ore 14:30 e l’obbiettivo ovviamente sarà la vittoria per arrivare agli scontri che contano già qualcosa… AVANTI CATENA!!!!

-Zeo-

27 Nov

Taormina – Acicatena 2-0: sconfitta senza attenuanti

Pubblicato da -Zeo-

TAORMINA: Billè; Mancuso, Laquidara, Messina, Trovato, Filistad; Adamo (92° Manciagli), Scolaro, Totaro (85° Licandri), Blatti; Gangi (80° Randazzo). Allenatore: Saro De Cento

ACICATENA: Saia; Pecorino, Platanìa, Orofino, Daidone (44° Varrica); De Carlo E. (67° Mannino), Fornaio, Reitano, Tutone (80° Strano); Patti, De Carlo A. Allenatore: Salvatore Giuffrida

ARBITRO: Alessio Boscarino di Siracusa (Marco Iapichino di Siracusa e Luca Agnello di Ragusa)

RETI: Totaro (T), rig. Messina (T)

Taormina (ME) - Brutta sconfitta rimediata da un rimaneggiato Acicatena in quel di Taormina, dove la squadra locale ha avuto vita facile visti i primi quindici minuti di follia della squadra catenota. Protagonista negativo in assoluto della partita è stato suo malgrado il giovane terzino catenoto Pecorino che dapprima col fallo da rigore ha portato la suadra biancorossa sotto di due reti per poi concludere la partita al 20° con la seconda ammonizione giunta per un fallo stupido a centrocampo. Di contro un Taormina giovane, ben messo in campo, che non ha strafatto e con un Filistad punto di riferimento nella retroguardia e i giovani Totaro e Adamo (gran partita la sua) che spaziavano su tutti i frontiha creato un muro ai biancorossi.

Le reti, come dicevamo prima, sono arrivate al 5° con il giovane Totaro che ha inbucato la palla nel sette con una mezza sforbiciata all’altezza del dischetto del rigore, mentre il raddoppio è arrivato su calcio di rigore realizzato da Messina su fallo di Pecorino ai danni di Totaro. Dopo l’espulsione di Pecorino la partita per il Taormina è diventata solo normale amministrazione e nessun effetto hanno sorbito gli ingressi di Varrica e Mannino e la discreta prova di Fornaio. Presenti una trentina di catenoti sulle tribune…

Ora l’Acicatena riprenderà subito mercoledì contro il Real Avola al “Polivalente”, nel ritorno dei quarti di finale della Coppa Italia regionale, e domenica sempre in casa si affronta il Trecastagni con la speranza che Taormina sia solo stato un incidente di percorso.

-Zeo-

 

20 Nov

Acicatena – Enna 2-0: vittoria senza patemi

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA: Saia; Pecorino, Costanzo, Mannino; E. De Carlo (82° Patti), Strano, Fornaio, A. De Carlo (87° Tosto); Russo, Varrica (61° Daidone). Allenatore: Salvatore Giuffrida e Marco Coppa

ENNA: Ammendola; Starrantino (60° Vincentini), Anzalone, Accardi, Giacalone; Riscobene, Patti, Mirisola, Messeri (90° Garrettini); Nasonte, De Lorenzi (65° Arcidiacono). Allenatore: Raffaele Ammendola

ARBITRO: Raimondo Cammalleri di Palermo (Stefano Alecci e Giovanni Spadaro entrambi di Messina)

RETI: rig. Varrica (A), Reitano (A)

Aci Catena (CT) - Importante vittoria per l’Acicatena che con i tre punti conquistati contro il fanalino di coda Enna prosegue la sua marcia d’alta classifica dietro le battistrada Ragusa e Città di Messina. Al di là del risultato, la gara non è stata facile per l’undici biancorosso viste le condizioni pessime del terreno di gioco reso una massa molle e al limite della praticabilità a causa della pioggia, dove i giocatori facevano già fatica a tenersi in piedi, quindi figurarsi produrre delle trame di gioco di buona fattura.

Cronaca povera di emozioni se si esludono i due goal e qualche occasione pericolosa di marca catenota: gli ennesi si sono avvicinati pochissime volte dalle parti di Saia e per lo più con conclusioni velleitarie, tanto che il migliore in campo è risultato essere appunto l’estremo difensore ennese. I catenoti sono stati più cinici nell’arco dei novanta minuti trovando il vantaggio sul rigore di Varrica (al quarto centro stagionale), dopo un’incursione di Reitano nell’area di rigore finita col fallo di un difensore ennese, e arrivando al raddoppio sempre col giovane Reitano bravo a concludere in porta un lancio perfetto in diagonale del solito Fornaio. Per il resto partita fisica, condita più che altro da un gioco maschio a centrocampo. Ora la squadra catenota dovrà riconcentrarsi subito visto che domenica tocca un’altro scontro diretto sul campo avverso del Taormina, partita non certo facile ma alla portata dei ragazzi catenoti.

-Zeo-

14 Nov

Il punto sulla 10° giornata

Pubblicato da -Zeo-

Il racconto della giornata parte con gli anticipi del sabato. I due derby etnei, Trecastagni-Misterbianco e Atletico Catania-Aquila Caltagirone, non lesinano sorprese. Al ‘La Carlina’ i gialloblu di Alderisi conquistano il loro secondo successo stagionale, grazie ad una rete al 44′ di Scariolo, mentre succede di tutto e di più al ‘Comunale’ di Aci Sant’Antonio dove la gara viene interrotta all’83′, quando il risultato si trova sull’1-0 in favore degli uomini di Richici (gol su rigore di Rametta, ndr). Si profila dunque una vittoria a tavolino per i rossazzurri che, grazie al ritiro volontario degli avversari in segno di protesta nei confronti di arbitro e pubbblico di casa, attendono il giudizio del giudice sportivo.
Ma il piatto forte del turno arriva con le gare di ieri. Il match più spettacolare è quello che va in scena all’Aldo Campo di Ragusa dove i padroni di casa battono per 3-2 i cugini del Città di Vittoria. Fuochi d’artificio nei primi dieci minuti di gara dove si segnano ben tre gol. Il solito Arena apre le danze per gli azzurri al 2′, Calabrese risponde al 5′ per i biancorossi mentre Milazzo al 9′ ristabilisce il vantaggio locale. Nella ripresa gli ospiti trovano il pareggio con la doppietta di Calabrese ma Bonaffini al 75′ fissa il punteggio sul definitivo 3-2.
Con la morte nel cuore, per la notizia dell’incidente stradale che ha coinvolto il terzo portiere Giuseppe Fiorito, il Città di Messina non festeggia la conquista della decima vittoria in campionato. I peloritani, scesi in campo al ‘Vasi’ di Gliaca di Piraino, battono con un secco 0-2 gli avversari del Due Torri. Del bomber Rosa al 12′ e di Buda al 90′ le marcature per la formazione giallorossa che, nel giro di sette giorni, incontrerà il Vittoria in Coppa Italia ed il Ragusa nel match clou dell’11^giornata.
Chi si rilancia in pieno è l’Avola di Giovanni De Leo. Il 3-1 rifilato all’Acicatena al ‘Meno di Pasquale’ segna la quarta vittoria di fila per gli aretusei che, in pochissimo tempo, si sono stabiliti con scioltezza in quarta posizione a quota 20. All’iniziale vantaggio ospite. realizzato da Strano al 30′, rispondono un doppio Craccò ed il veterano rossoblu Casisa.
Torna a vincere il Comiso di Peppe Borgese. Ai gialloverdi basta una rete di Indigeno al 41′ per avere ragione dei bianconeri guidati da Lucio Tosto. Per gli aretusei, protagonisti di un sola vittoria fino ad ora, adesso la classifica diviene davvero difficile. Proprio la Leonzio deve guardarsi dai tre punti conquistati dal Modica (0-1 contro l’Enna grazie a Raciti) e dal Taormina (1-0 all’Orlandina con gol di Messina al 45′).

fonte: CALCIOLANDIA SICILIA

4 Lug

BUONA ESTATE A TUTTI I TIFOSI E NON

Pubblicato da -Zeo-

Per “problemi” di lavoro sarò costretto ad andare a lavorare a Zanzibar fino a Novembre e di conseguenza il blog dei Boys non sarà più aggiornato con frequenza settimanale. Mi scuso per l’eventuale disagio ma vi consiglio di guardare la pagina Facebook dell’ACRD ACICATENA CALCIO che avrà sempre aggiornamenti esterni sui gironi e sui colpi di mercato di tutta l’Eccellenza Siciliana 2011/12.

Non resta che augurare una buona estate a tutti i nostri visitatori, di seguire sempre la nostra amata Acicatena e che l’aggiornamento del blog avverrà sempre quando possibile fino a novembre, per poi riprendere a regime normale verso novembre sperando in un campionato da protagonisti per la maglia biancorossa. Buone vacanze e… SEMPRE FORZA ACICATENA!!!

-Zeo-

bandiera zanzibar

30 Mag

Tempo di bilanci

Pubblicato da -Zeo-

Dopo la fine della stagione agonistica 2010/11 è tempo di bilanci in casa Aci Catena. La salvezza ottenuta con due gare d’anticipo ha sorpreso tutti, addetti ai lavori e non, visto l’età media veramente bassa della squadra catenota e le condizioni di gioco veramente difficili (tutte le gare in casa giocate a campo neutro e a porte chiuse per la squalifica del campo di un anno). Ora è il tempo di rinboccarsi le maniche per preparare il prossimo campionato, magari facendo tornare entusiasmo in una piazza molto difficile come quella catenota. Prima di tutto si tornerà a giocare in casa, cosa che la società non deve sottovalutare, e da qui deve partire la riscossa per affrontare un campionato all’avanguardia come nei magici tempi del “Nino Bottino”. In secondo luogo, visto che si affronterà un campionato costellato da buone piazze con un notevole passato per l’Eccellenza, bisognerà costruire una squadra capace di non soffrire e di puntare ad un campionato “divertente”. Un consiglio alla società è quella di formare una buona squadra, ma senza stravolgimenti visto che qulche elemento della passata stagione, nonostante la giovane età, ha saputo dimostrare di saperci stare in questa categoria e di poter dire la sua.

Da parte nostra, dopo un anno parecchio difficile e particolare per varie situazioni interne e di non poter seguire fisicamente la squadra (mai viste tante trasferte vietate e partite in casa a porte chiuse), si tenterà di tornare ai fasti di un tempo cercando di far crescere l’entusiasmo in città e tra tutte le componenti per affrontare un’altra stagione agonistica che si preannuncia scoppiettante. La nostra voglia di Aci Catena da questo momento in poi deve essere quella che abbiamo sempre dimostrato e le forze e le voglie non mancano.

Dopo la fine degli spareggi in serie D ed Eccellenza, ma in attesa della divisione dei gironi, dei fallimenti e dei ripescaggi proviamo a fare un abbozzo dei prossimi gironi dell’Eccellenza Siciliana, sulla falsa riga di quelli passati.

ECCELLENZA SICILIA GIRONE B:

ACRD ACICATENA
Aquila Caltagirone
Atletico Catania
(promosso dal campionato di Promozione)
Biancadrano
Città di Acireale
(promosso dal campionato di Promozione)
Città di Messina
Città di Vittoria
Enna
Giarre
Leonzio (promossa dal campionato di Promozione)
Modica
(retrocesso dal campionato di Serie D gir. I)
Ragusa
Real Avola
Taormina
Trecastagni
————–

ECCELLENZA SICILIA GIRONE A:

Akragas
Alcamo
Atletico Campofranco (promosso dal campionato di Promozione)
Audace Città di Monreale (promosso dal campionato di Promozione)
Castellamare Calcio 94
Due Torri
Folgore Selinunte
Kamarat
Mazara (retrocesso dal campionato di Serie D gir. I)
Orlandina
Palermitana (promossa dal campionato di Promozione)
Parmonval
Ribera
Sancataldese
Valderice
————–

10 Apr

Enna – Acicatena 4-3: si conclude con una sconfitta indolore

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1
ENNA: Saia; Cardile, Colo, Augello, Sireci (93° Ansalone); Bertuccio, Alessandro, Fiaccaprile; Cosimano (58° Costa), Nasonte, Suffia (73° Bizzini). Allenatore: Guido De Maria

ACICATENA: Esposito; Pecorino, Platanìa (22° Zappalà), Femiano, Sanfilippo; Barbagallo, Novello, Fornaio; Randis, Di Mauro (68° Ierna), Reitano (78° Coco). Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Michelangelo Mirrione di Barcellona Pozzo di Gotto (Massimiliano Nardo e Antonio Vella entrambi di Caltanissetta)

RETI: 18° Alessandro (E), 40° Novello (A), 56° Nasonte (E), 60° Alessandro (E), 77° Randis (A), 81° Fornaio (A), 90° Costa (E)

Squadre a centrocampo (tifosi dell’Enna sullo sfondo)

Boys ad Enna (Enna - Acicatena 4-3 ritorno eccellenza 2010-11)

4 Apr

Acicatena – Trecastagni 2-2: e salvezza diretta fu!

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Esposito; Sanfilippo (88° Musumarra), Platanìa, Femiano, Reitano; Fornaio, Novello, Barbagallo (80° Marchese); Ierna (85° Cavallaro), Di Mauro, Randis. Allenatore: Lucio Tosto

TRECASTAGNI: Nicotra; Daidone (75° Caponnetto), Vicino, Vezzosi, Gangemi; Cutrufello, Castorina, Cacciola, Marziale (46° Antonucci); Montalto, Tomarchio (92° Guarnera). Allenatore: Gaspare Cacciola

ARBITRO: Giuseppe Bertè di Barcellona Pozzo di Gotto (Marco Munacò e Rosario D’Amore entrambi di Palermo)

RETI: 33° Montalto (T), 49° Ierna (A), 51° Montalto (T), 65° Di Mauro (A)

Aci Catena - Dopo un anno di squalifica, è finalmente utilizzabile il “Polivalente” che ha finalmente potuto riabbracciare la squadra della propria città. I biancorossi ritrovano il loro pubblico amico nella gara in cui si sancisce la matematica salvezza in questo campionato di Eccellenza, visto che al punto arrivato contro il Trecastagni si aggiunge la sconfitta del Santa Croce in casa contro il Ragusa che di fatto annulla le loro possibilità di salvezza diretta. Stagione non facile questa per la squadra catenota visto che si è giocata la propria salvezza sempre in trasferta e con una squadra (escluso qualche elemento della scorsa stagione come Femiano, Platanìa e Zappalà) composta da giovanissimi di belle speranze che si affacciavano anche per la prima volta in un campionato difficile come l’Eccellenza Siciliana. Eppure la salvezza è arrivata con una giornata d’anticipo che può far dormire sonni tranquilli e costruire qualcosa di convincente per la prossima stagione. Unico neo, sottolineato in precedenza, è stata la squalifica del campo che di fatto non ci ha permesso di seguire la nostra squadra in giro per mezza Sicilia: poche gare a porte aperte e settori ospiti sempre chiusi che, mischiati a qualche problema interno al gruppo, hanno fatto mancare il nostro apporto per tutta la stagione praticamente.

Si spera che il prossimo anno si posso essere presenti e più continui per tornare quelli che eravamo fino allo scorso anno.

Venendo alla partita, è scarna la cronaca: classica partita di fine stagione con la testa più alle radioline per ascoltatre gli altri risultati che altro. I primi a portarsi in vantaggio sono gli ospiti con Montalto al 33° che sbloccava il risultato con un colpo di testa dopo un’azione travolgente di Marziale (uno degli ex in campo) sulla destra. Nel secondo tempo, dopo soli 4 minuti, i biancorossi trovano il pareggio con Ierna che insacca a porta vuota dopo una papera del portiere, ma neanche il tempo di gioire che il Trecastagni si riporta in vantaggio di nuovo con Montalto che mette in rete un bel cross del semprevivo Antonucci; ma l’emozioni non finiscono qui visto che dopo 10 minuti Di Mauro realizza il classico goal dell’ex in perfetto contropiede. Dopo il 2-2 le squadre fanno trascorrere il tempo e con l’arrivo di buone notizie di altri campi decidono di mettere in naftalina l’incontro dividendosi il punto che di fatto fa arrivare la matematica per i biancorossi e, quasi, per i gialloblù.

-Zeo-

28 Mar

Biancadrano – Acicatena 4-0: sconfitta che non pregiudica la salvezza diretta

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

BIANCADRANO: Linguaglossa; Fichera (86° Berbiglia), Bruno, Arena, Cristaldi; Scalia, Licciardello, Santanna; Costa (35° Battiato), Garufi, Lasmè (86° Paparo). Allenatore: Orazio Orofino (Pippo Strano squalificato)

ACICATENA: Vitale; Zappalà, Pecorino, Femiano, Sanfilippo; Novello (54° Costanzo), Fornaio, Barbagallo (86° Cascio), Cavallaro (41° Di Mauro); Randis, Reitano. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Marco Petruzzelli di Siracusa (Salvatore Pantò e Vincenzo Donzello entrambi di Siracusa)

RETI: 31°Garufi (B), 37° Lasmè (B), 84° Battiato (B), 93° Garufi (B)

Adrano (CT) - Continua la caccia al secondo posto per l’Adrano (sempre con il fiato sul collo del Real Avola che lo precede di un solo punto), sperando nel traguardo finale di vice-capolista al fine di poter disputare tra le mura amiche le gare playoff. Troppo il divario tecnico in campo tra le due formazioni e giusto successo del Biancadrano.

Fonte: “Gazzetta del Sud”

25 Mar

Biancadrano – Acicatena: manca poco alla salvezza

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

ULTIMI PUNTI…

ULTIME PARTITE…

NON FERMIAMOCI SUL PIU’ BELLO!

21 Mar

Acicatena – Città di Vittoria 1-1: buon punto conquistato e fine di un incubo

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Platanìa, Femiano, Cavallaro G.; Novello, Napoli (82° Costanzo), Pecorino; Randis, Ierna (45° Di Mauro), Reitano. Allenatore: Lucio Tosto

VITTORIA: Aglianò; Maniscalco, Vinci, Raciti (72° Dama), Alderuccio; Nobile, Caputa, Ciscardi, Romeo; Truglio, Leone (88° Cordaro). Allenatore: Giovanni Campanella

ARBITRO: Francesco Scibetta di Agrigento (Angelo Pirri e Giuseppe Fazio di Barcellona Pozzo di Gotto)

RETI: 16° Femiano (A), 34° Caputa (CdV)

NOTE: gara giocata a porte chiuse sul neutro di Trecastagni (CT)

Trecastagni (CT) - Finisce in parità l’ultima gara dell’Acicatena lontana dal terreno di gioco amico; la società etnea ha infatti scontato contro il Vittoria la lunga squalifica inflittale lo scorso anno. Un pareggio che, alla luce di quanto visto, sembra essere il risultato più giusto: entrambe le squadre hanno giocato una gara equilibrata ed impostata al contenimento dell’avversaria, particolarmente avara di occasioni da rete.
E così le prime vere conclusioni in porta corrispondono ai gol realizzati nel primo tempo. Passano in vantaggio i padroni di casa, al 16°. Reitano si incarica di battere un corner, sulla traiettoria della sfera si trova Femiano che, posizionato sul primo palo, spizzica di testa all’indietro, ingannando l’estremo difensore ed insaccando in rete. Gli uomini di mister Campanella non ci stanno ed iniziano una leggera pressione sui biancorossi locali nel tentativo di giungere al pareggio. Pareggio che arriva al 34° con Caputa che ben servito in area di rigore trafigge Vitale con un diagonale dalla destra. Il gol del pareggio è anche l’ultima azione di rilievo del primo tempo. Nella ripresa le due squadre, anche a causa del terreno pesante, appaiono stanche e sembrano quasi accontentarsi del pareggio. All’8° la punizione di Femiano finisce di poco fuori; il numero sei locale ci riprova quattro minuti dopo ma la sfera viene respinta a pugni chiusi da Aglianò. Al 40° Dama, sugli sviluppi di un calcio di punizione, prova ancora ma il suo tiro si ferma tra le mani di Vitale. Nel finale gli ospiti esercitano
una maggiore pressione che, al 46’, si concretizza con il tiro di Cordaro, parato in volo dall’estremo difensore locale.
FONTE: Grazia Scuderi

9 Mar

Acicatena – Real Avola 0-1: sconfitta immeritata

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA: Vitale; A. Cavallaro, Reitano, Pecorino, Sanfilippo; Napoli, Novello (77° F. Cavallaro), Zappalà, Musumarra (46° Randis); Di Mauro, Ierna. Allenatore: Lucio Tosto

REAL AVOLA: Tarantino; Teriaca, Restuccia, Sangiorgio, Marziano (20′ Ricca); Ulma, Messina (20′ Cilio), Casisa (89′ Montalbano), Saraceno; Intagliata, Guastella. Allenatore: Giovanni De Leo

ARBITRO: Vincenzo Marrazzo di Lecco (Francesco Cappello e Michele Brancato entrambi di Messina)

RETI: 22° rig. Casisa (RA)

NOTE: partita giocata a porte chiuse

Trecastagni (CT) - Un rigore generosamente concesso dall’arbitro Marrazzo di Lecco al Real Avola, e trasformato da Casisa permette agli uomini di Giovanni De Leo di portarsi a quota 51 punti a ridosso della capolista Palazzolo, mentre per l’Acicatena rimane l’amaro in bocca per una domenica grigia (la squadra di Tosto ai punti avrebbe meritato di più di quanto invece malinconicamente porta a casa).
Certo la classifica divideva le due contendenti, separate da tante posizioni, ma in campo la differenza non si è poi notata più di tanto; la squadra di Lucio Tosto addirittura doveva far fronte a diverse defezioni, ed erano tanti gli juniores tra campo e panchina. Il Real Avola si è comportato da grande squadra, ha provato nella prima mezz’ora a portarsi in vantaggio, raggiunto il fine, ha tirato i remi in barca e si è accontentato, senza offendere oltre misura i catenoti. L’Acicatena invece non ha mai abbassato le linee, e ha tentato fino alla fine di rimettere in parità la gara. La situazione in classifica per la squadra di Lucio Tosto adesso non è certo allarmante, ma sicuramente pesa fortemente la squalifica del campo.
Nonostante le avversità, l’allenatore Lucio Tosto ha sempre amministrato la squadra con intelligenza e anche ieri, ha fatto di necessità virtù, schierando un undici sperimentale, che ha però creato numerosi grattacapo alla seconda forza del campionato, il Real Avola. Zappalà e Reitano a sinistra hanno più volte graffiato, e anche nella corsia destra Novello si è reso un paio di volte pericoloso al tiro. Anche a Trecastagni si è rispettato un minuto di commovente silenzio per rendere omaggio all’alpino Massimo Ranzani ucciso in Afghanistan, poi si è giocato.
Ritmi compassati ad inizio gara e per tutta la prima frazione, nessun cambio di passo da parte dei giocatori del Real Avola, complice anche un Acicatena ordinato e logico che ha impedito agli ospiti guizzi di genio e geometrie nella mediana. Al 22′ l’azione che decide l’incontro; il palermitano Guastella entra in area di rigore catenota e viene contrastato da Reitano. L’attaccante del Real Avola cade in area e per il direttore di gara è calcio di rigore tra le proteste vibrate dei giocatori di Lucio Tosto; dal dischetto Casisa realizza il gol partita. L’Acicatena vorrebbe assegnato un penalty al 34′ per un fallo di mani di Ulma in barriera, ma Marrazzo lascia correre.

FONTE: “La Sicilia”

3 Mar

Noi non dimentichiamo…

Pubblicato da -Zeo-

Domenica 6 marzo 2011, il comune di Aci Catena ha disposto l’ordinanza d’intitolare la caserma di polizia municipale alla memoria di Paolo Giardina, padre di un nostro componente venuto a mancare due anni fa… un piccolo atto per ricordare un grande uomo: CIAO PAOLO

link del comune: http://www.comune.acicatena.ct.it/repository/albo-pretorio/allegati/2011/Docs303/sind.%2011.pdf

uid_11ff0e04abc.580.0

Il nostro pensiero prima della partita col Siracusa (marzo 2009)

uid_1200f099e7b.580.0

28 Feb

Città di Messina – Acicatena 1-0: sconfitta di misura

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

CITTA’ DI MESSINA: Paterniti; Ruocco, Mondello, Giardina (19′ st Santamaria), Cammaroto; Raimondi, Calcagno (19′ st Miano), Assenzio; Pirrotta (38′ st Pulejo), Camarda, Buda. In panchina: Calabretta, Panarello, Cucè, Cucinotta. Allenatore: Rando

ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Platanìa, Femiano, Zappalà; Napoli, Reale (1′ st Costanzo), Fornaio; Randis (39′ pt Trovato), Di Mauro, Reitano. In panchina: Esposito, Novello, Ierna, Musumarra. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Giuseppe Caruso di Palermo (Francesco Filippo D’Anna e Alessandro Cusumano della sezione di Barcellona Pozzo di Gotto)

RETI: 81° Pirrotta (CdM)

“Sesto successo consecutivo per la formazione peloritana che al “Celeste” ha superato per 1-0 gli etnei. Contro un avversario determinato e ben messo in campo, a decidere una gara che ha rispettato le previsioni della vigilia è stato l’attaccante, a segno a nove minuti dal 90′. Ospiti in dieci dal 38′ per l’espulsione di Platania”

Città di Messina in campo con dieci undicesimi della formazione titolare schierata nel precedente turno di campionato: unica novità il rientro tra i titolari di Giardina al posto di Santamaria. Gara spigolosa fin dai primi istanti, come conferma l’ammonizione rimediata dal difensore ospite Platania dopo appena 30 secondi. La prima parte dell’incontro offre poche emozioni, il primo tentativo arriva al 13′ e porta la firma di Pirrotta che sfrutta la sponda di Giardina ma calcia di poco a lato. Con il passare dei minuti cresce il Città di Messina che al 19′ costruisce una nuova occasione da gol: sul corner di Camarda, Raimondi anticipa tutti ma di testa non centra il bersaglio. Al 23′ Camarda cerca la porta direttamente su punizione ma la sua rasoiata sfiora il palo alla destra del portiere Vitale e termina sul fondo. L’Acicatena si fa vivo per la prima volta nell’area avversaria al 26′: Fornaio prova a sfondare centralmente ma viene fermato dalla tempestiva uscita di Paterniti. Al 38′ l’Acicatena resta in dieci uomini: Platania, già ammonito, commette un brutto fallo su Pirrotta, rimedia il secondo giallo e lascia i suoi in inferiorità numerica. L’ultima occasione del primo tempo la creano però proprio gli ospiti: al 45′ velenosa punizione di Femiano con palla che termina alta di poco.

Nella ripresa parte forte il Città di Messina che sfiora il gol dopo appena 15 secondi: Pirrotta innesca Giardina che calcia di destro da buona posizione ma non centra lo specchio. Al 5′ Pirrotta va al cross da destra e pesca dall’altra parte dell’area di rigore Buda che controlla e batte a rete sfiorando la traversa. Appena un minuto più tardi è Assenzio da distanza ravvicinata ad impegnare Vitale, bravo nella circostanza ad opporsi di piede. Più agevole la parata del numero 1 ospite sulla punizione di Camarda al 10′. Al 19′ il tecnico Rando effettua due sostituzioni: dentro Santamaria e Miano, fuori Giardina e Calcagno. E proprio Miano, pochi secondi dopo il suo ingresso, sciupa un’ottima occasione perdendo il tempo per la battuta a rete dopo una buona combinazione con Pirrotta. Il forcing del Città di Messina non si placa e al 22′ Assenzio cerca la porta dal limite ma il suo destro è impreciso. Al 27′ gran tiro di Camarda dalla distanza con il pallone che sfiora l’incrocio dei pali. Alla mezzora Vitale è ancora reattivo sulla gran botta di Assenzio e devia il pallone in corner. Al 32′ Pirrotta va giù a contatto con Zappalà in area di rigore e reclama il penalty, l’arbitro Caruso non interviene. La rete che decide l’incontro arriva al 36′: Assenzio trova il corridoio giusto per innescare Pirrotta che davanti a Vitale mantiene la necessaria freddezza e regala il vantaggio al Città di Messina. Per l’attaccante palermitano si tratta del settimo gol in campionato. Lo stesso Pirrotta al 38′ viene rilevato da Pulejo ed esce tra gli applausi del pubblico del “Celeste”. L’ultimo tentativo dell’incontro porta la firma di Santamaria che al 40′ calcia dal limite dell’area ma non inquadra la porta. Nei minuti finali i padroni di casa si limitano a contenere senza grossi affanni la reazione dell’Acicatena. Dopo 4′ di recupero l’arbitro Caruso fischia la fine della gara: Città di Messina – Acicatena 1-0.

FONTE: Alessandro Calleri (Messina Sportiva – quotidiano telematico)

26 Feb

Città di Messina – Acicatena: trasferta impegnativa

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Partita veramente impegnativa quella che attende i biancorossi nello storico scenario del “Celeste” di Messina, dove si affronterà il Città Di Messina, formazione lanciata alla conquista dei play-off. La squadra peloritana da un paio di settimane sta vivendo un momento veramente felice visto che ha conquistato il 4° posto in classifica, che fino ad un mese fa sembrava irrangiungibile, ed ora sta puntando decisamente al secondo posto, in modo da affrontare i play-off nella miglior posizione possibile. L’Acicatena, dal canto suo, arriva a Messina contando su un 7° posto in classifica veramente meritato e con l’entusiasmo della squadra che non ha nulla da perdere, potendosi permettere anche di conquistare un solo punto per raggiungere piano piano la salvezza che ormai dista solo 9 punti matematici.

Non resta quindi che sostenere la squadra in questa trasferta si delicata, ma nemmeno da ultima spiaggia come poteva essere un paio di settimane fa…

DAI CATENA, L’OBIETTIVO E’ DIETRO L’ANGOLO!

19 Feb

Acicatena – Aquila Caltagirone 1-0: vittoria importantissima

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

RETI: Ierna (A)

18 Feb

Acicatena – Aquila Caltagirone: punti importanti in campo neutro

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

NON VI E’ PACE IN QUESTA STAGIONE

LE PORTE CHIUSE CI CONDANNANO ANCORA UNA VOLTA!

13 Feb

Giarre – Acicatena 0-0: pareggio giusto ma con rammarico

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

GIARRE: Plastini; Curcuruto, Patanè, Caggegi, Spataro; Balsamo (85° Gentile), Messina, Torre; Aleo (56° Lo Coco), Gambino, Varrica (77° Barbagallo). A disposizione: Manitta, Bonanno, Ruffino, Pantè. Allenatore: Gaetano Mirto

ACICATENA: Vitale; Pecorino, Platanìa, Femiano, Zappalà; Napoli (69° Sanfilippo), Reale, Fornaio; Randis (67° Brancato), Di Mauro, Reitano (88° Costanzo). A disposizione: Esposito, Ierna, Novello, Cavallaro. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Listì Maman Alì di Palermo (Luigi Runza e Salvatore Pantò entrambi di Siracusa)

Giarre (CT) – Ancora un pareggio per la formazione catenota, che esce imbattuta dal derby col Giarre conquistando un punto utile ad allungare la striscia positiva che dovrà portarci alla salvezza diretta. Partita tutto sommato noiosa con le squadre che si studiano a centrocampo alla ricerca dello spunto vincente che per circa 70 minuti non arriva da ambo le parti. Tutte le emozioni si concentrano negli ultimi 20 minuti, con le squadre ormai allungate, dove il portiere biancorosso Vitale (il “poeta dei pali” come è stato ribattezzato dai tifosi) compie due veri e propri miracoli sui tiri degli avanti giarresi, mantenendo il risultato sulla parità. Non meno, però, il collega gialloblù Plastini che prima blocca un bel tiro del funambolico Paolino Reale e negli ultimi minuti, con l’aiuto del difensore Curcuruto, sventa un tiro a botta sicura di Fornaio che sarebbe finito nel sette regalandoci 3 punti veramente pesanti. Peccato davvero ma, per quello che si è visto in campo nell’arco dei novanta minuti, lo 0-0 è il risultato più giusto.

Da Aci Catena, arriviamo in circa 70 unità con un pò di ultras a seguito (fa piacere rivedere alcune facce assenti per vari motivi negli ultimi tempi). Ci mettiamo da parte nel settore ospiti, rispetto al resto degli spettatori, ed assistiamo alla partita senza incitare e senza forma di tifo come avviene ormai dalla scorsa stagione. I giarresi sono in circa 30 unità dietro gli striscioni “Cateno e Filippo sempre con noi” e “NO ALLA TESSERA”. Accendono qualche fumogeno ad inizio gara e tifano un pò discontinuamente per tutti i 90 minuti. Nonostante la nostra presenza in biglietteria (praticamente accanto la loro curva) ad inizio partita nessuno si fa vivo e tutto fila tranquillamente senza nessun “tipo di problema”…

Locandina gara

IMG_0086

Durante la gara

IMG_0083

11 Feb

Giarre – Acicatena: un solo imperativo… VINCERE!

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

SOLO L’AVVERSARIO DA LE GIUSTE MOTIVAZIONI…

NON C’è NULLA D’AGGIUNGERE…

FORZA CATENA VINCI PER NOI!

5 Feb

Acicatena – Taormina 1-0: tre punti fondamentali

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Platanìa, Femiano, Reitano; Novello (51° Zappalà), Napoli, Tringali; Brancato 5.5 (90° Barbagallo), Randis (68° st Costanzo), Reale. Allenatore: Lucio Tosto

TAORMINA: Sanfilippo (51° Andolina); Sturiale, Trovato, Dardanelli, Stracuzzi; Filistad, Cricchio (67° Laquidara), Emanuele (45° Mannino); Russo, Caruso, Borbone. Allenatore: Santo Giuffrida

RETI: 35° rig. Femiano (A)

ARBITRO: Ignazio Pennino di Palermo (Giuseppe Fazio di Barcellona pozzo di Gotto e Michele Brancato di Messina).

NOTE: partita giocata a campo neutro e a porte chiuse

BELPASSO (CT) - Due squadre ancora rammaricate per i deludenti pareggi casalinghi conseguiti domenica scorsa – l’Acicatena per non essere riuscito ad andare oltre lo 0-0 contro il Belpasso, e il Taormina, per non essere riuscito a condurre in porto la vittoria nonostante un eurogol di Cirino Russo – si sono affrontate sotto la luce dei riflettori, nell’anticipo di sabato, al San Gaetano di Belpasso, ben consapevoli dell’importanza della posta inpalio e assai determinate prima di tutto ad evitare pericolosi passi falsi in ottica salvezza. Per questo motivo, sin dal fischio d’inizio dell’ottimo Pennino, entrambe hanno assunto un atteggiamento prudente, preferendo studiarsi a vicenda ed evitare di scoprirsi.

A tentare la conclusione in porta è stato per primo il Taormina, dopo 20’, ma la punizione di Filistad è finita a lato. Da quel momento la squadra ionica ha preso in mano il comando delle operazioni e si è resa protagonista di una bella conclusione dal limite di Caruso al 21’ con palla alta, un bel destro al volo alla Mascara da parte di Cirino Russo al 22’ parato, un bel diagonale al volo di Borbone anch’esso parato. La reazione dell’Acicatena, sceso oggi in campo privo di molti titolari ed imbottito di Juniores, è arrivata al 29’ con un bel sinistro a girare di Reale dal limite uscito fuori di poco alla destra del palo di Sanfilippo. Il Taormina, per nulla intimorito, ha insistito e per poco al 33’ non è passato in vantaggio con Cirino Russo, anticipato di un soffio dal portiere Vitale poco fuori della propria area di rigore. Sul prosieguo dell’azione, nel momento migliore del Taormina, l’Acicatena è passato in vantaggio. La palla, infatti, giunge sulla destra a Reale che, sebbene stretto fra due difensori, è riuscito a crossare in area taorminese la palla, toccata con un braccio da Filistad. Inevitabile il calcio di rigore, trasformato con un violento tiro alla destra del portiere dall’esperto Femiano. Nella ripresa il Taormina ha compresso i catenoti nella propria metà campo, ma le conclusioni di Russo (10’), di Dardanelli (15’) e di Sturiale non hanno sortito alcun effetto, grazie anche alla buona guardia di Vitale, concentrato e sicuro.

Un tiro, tre punti, si è fatto notare alla fine al presidente dell’Acicatena. «Debbo riconoscere – ha risposto Strano – che il Taormina ha fatto registrare una indiscussa superiorità territoriale, ma noi non abbiamo rubato nulla. Siamo stati bravi a sfruttare il calcio di rigore e altrettanto bravi a difendere il risultato. Siamo scesi in campo con una squadra imbottita di Juniores».
FONTE: Vito Sapienza

4 Feb

Acicatena – Taormina: altra sfida importante per la salvezza

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

E COME SEMPRE PORTE CHIUSE…

STAGIONE DISGRAZIATA!!!

30 Gen

Palazzolo – Acicatena 4-1: dieci minuti fatali condannano i biancorossi

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

PALAZZOLO: Ferla; Cinolauro, Miraglia, Berti, Liga; Alderuccio, Costanzo, Gatto; Rosa (62’ Spampinato), Bonarrigo, Mirabella (49’ Scaravilla, 72’ Garofalo). A disposizione: Alibrio, Nastasi, Tornatore, Cervillera. Allenatore: Peppe Anastasi

ACICATENA: Vitale; Cavallaro, Platanìa (76’ Roccazzella), Femiano, Sanfilippo; Tringali, Novello, Napoli, Barbagallo (43’ Brancato); Reitano (59’ Reale), Di Mauro. A disposizione: Esposito, Trovato, Cavallaro, Cittadino. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Fabio Schirru di Nichelino (Domenico Nania e Sebastiano Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto)

RETI: 12° Bonarrigo (P), 71° Brancato (A), 73° Alderuccio (P), 79° Costanzo (P), 82° Costanzo (P)

PALAZZOLO ACREIDE (SR) – Crolla a 20 minuti dalla fine l’Acicatena sul terreno della capolista, perdendo una partita un pò sofferta ma che con qualche attenzione in più avrebbe fatto guadagnare un punto in chiave salvezza. Nulla di trascendentale il Palazzolo capolista che si porta subito in vantaggio con una perla su punizione del solito Bonarrigo e gestisce la gara con sufficenza sfiorando solo una volta il secondo goal con una traversa di Costanzo. Nel secondo tempo i biancorossi entrano più convinti in campo creando qualche grattacapo alla retroguardia gialloverde con delle forti accelerazioni che portano prima ad un salvataggio sulla linea di porta da parte di Cinolauro sull’attaccante catenoto Di Mauro e, finalmente, pervenendo al pareggio col giovanissimo Carletto Brancato che su punizione la mette dentro di testa. Da qui iniziano i 10 minuti di follia della retroguardia catenota che per ben due volte, prima su punizione dalla trequarti e poi su calcio d’angolo, lasciano soli in area Alderuccio prima e Costanzo poi, mettendo la partita sul 3-1. Il 4-1 arriva su un contropiede magistrale che porta alla doppietta il solito Costanzo.

Una cinquantina i presenti oggi nel settore ospiti, con buona parte catenota e qualche ultras “in borghese” senza però appendere nè pezze nè drappi, per via della protesta che continua dallo scorso campionato dalla “famosa” partita contro la Nissa. Un anno difficile e sciagurato questo, visto la squalifica di campo fino a marzo e le partite  a porte chiuse che si sono susseguite in questi tempi: la speranza è che finisca il più presto possibile per riorganizzarci e ripartire tutti insieme l’anno prossimo

-Zeo-

Acicatena in azione (in maglia rosa): sullo sfondo il settore di casa…

IMG_0080

28 Gen

Palazzolo – Acicatena: importante sfida alla nuova capolista

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Ci siamo finalmente. Dopo trasferte vietate, campi a porte chiuse e via discorrendo, domenica i biancorossi saranno attesi dalla capolista Palazzolo sul proprio terreno amico ma potranno finalmente contare sull’apporto dei propri tifosi.

Partita difficile quella che attende i biancorossi, visto che si giocherà sul terreno amico della capolista che farà di tutto per accapararsi i tre punti distaccandosi così dal Biancadrano e dal Real Avola (rispettivamente secondi e primi in campionato) che domenica si affrontano tra di loro nello scontro diretto. Per ottenere i tre punti, il Palazzolo butterà in campo l’artiglieria pesante con Rosa, Bonarrigo e Berti che svettano su tutta la rosa, guidati da quel Peppe Anastasi che lo scorso anno fece favile ad Aci San Filippo in Prima Categoria. L’Acicatena, dal canto suo, si presenta con tutta la rosa al completo dai rivali gialloverdi, affidandosi ai suoi “giovani rognosi” per conquistare qualche punticino importante per la salvezza e cercare di mantenere il record di imbattibilità esterno che regge dall’inizio della stagione: non male per una squadra che punta alla salvezza, con un’età-media davvero invidiabile per la categoria. Speriamo solo che queste non siano le ultime parole famose, ma che domenica sia solamente una conferma di quanto detto fino ad ora…

23 Gen

Acicatena – Belpasso 0-0: altro pareggio per i biancorossi

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Zappalà, Sanfilippo, Femiano, Reale; A. Cavallaro (88′ F. Cavallaro),  Fornaio, Novello; Tringali, Di Mauro, Reitano (46′ Brancato). Allenatore: Lucio Tosto

BELPASSO: Di Benedetto; Cannizzo, F. A. Indelicato, Bonaccorsi, P. Leotta; Mammana, Tutone (60′ Suriano), M. Indelicato; Tosto (75′Randis), Palazzolo, Gerbino. Allenatore: Gaetano Settineri

ARBITRO: Pietro Boscia di Messina (Luca Agnello e Gianluca Peluso entrambi di Ragusa)

Taormina (ME) – Alla fine, sul neutro di Taormina, a vincere è stata la noia; non sono bastati infatti gli oltre 96′ minuti di gioco a Acicatena e Belpasso per realizzare almeno una marcatura, e dunque al triplice fischio del direttore di gara le due compagini si sono dovute accontentare di uno scialbo 0-0.
Il pari muove leggermente la classifica delle due formazioni, ma resta probabilmente il rammarico su entrambi i fronti per non aver saputo sfruttare al massimo le poche occasioni a disposizione; la sensazione è che l’Acicatena abbia sprecato un’occasione ghiotta per tirarsi su in graduatoria, mancando una vittoria che avrebbe meritato.
Il primo tempo quasi orfano di emozioni faceva registrare una conclusione su calcio piazzato, ma Femiano tirava alto, e un’azione di contropiede che Reale complice l’intervento di Di Benedetto non riusciva a trasformare in rete.
La ripresa, caratterizzata da un freddo tagliente, concedeva alle due squadre la possibilità di rivoluzionare il punteggio, ma nelle poche occasioni costruite, la palla non ne voleva sapere di rotolare dentro la rete.
Tosto al 47′ calciava alto, e al 53′ Di Mauro concludeva debolmente; al 65′ l’Acicatena recriminava su un’azione dubbia, e richiedeva il calcio di rigore per un intervento in area su Zappalà, ma Boscia lasciava proseguire.
Al 72′ l’azione più nitida da gol; Bonaccorsi lanciato dal neo-entrato Suriano a tu per tu con Vitale, provava la conclusione, ma il tiro del centrocampista veniva deviato in corner. All’86′ Fornaio di testa aveva la possibilità di realizzare il gol vittoria, ma un miracolo di Di Benedetto bloccava sul nascere la gioia catenota.

FONTE: Andrea Cataldo de “LA SICILIA”

16 Gen

Santa Croce – Acicatena 0-0: buon punto esterno

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

SANTA CROCE: Annese; Mazzone,Mancarella (85° Fazio), Castro (88° D’Agosta), Guarino; D’Iapico, Scifo, Romeo; Rametta (34° Incardona), Rizzo, Virga. Allenatore: Andrea Di Giacomo

ACICATENA: Vitale; Reale (82° Costanzo), Platanìa, Femiano, Sanfilippo; Cavallaro, Fornaio, Tringali; Ierna (72° Brancato), Di Mauro, Reitano (75°’st Novello). Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Marco Petruzzelli di Siracusa (Antonio Giambrone e Marco Sciortino di Agrigento)
Santa Croce Camerina (RG) - Nella partita che doveva decretare il ritorno alla vittoria del Santa Croce, dopo i nuovi acquisti e il rientro dagli infortuni di uomini importanti, ci pensa l’Acicatena a scombinare tutti i pronostici della vigilia imponendo un deludente 0-0 alla squadra di casa e portandosi via un punto, importante nell’economia della lotta per non essere invischiati nella
lotteria dei playout.
Ai punti, come nel pugilato, avrebbe vinto il Santa Croce. Ma nel calcio vince chi segna e la squadra di casa ci è andata vicinissima al gol, non riuscendo a realizzarlo. Non ci riusciva al 15’ della prima frazione di gioco quando Rizzo, imbeccato alla perfezione da una palla fatta filtrare fra due difensori da Romeo, nel cercare di spiazzare il portiere angolava troppo il tiro collocando la palla di un filo a lato della porta. Cinque minuti dopo l’occasione da gol si ripeteva. Romeo si smarcava sulla linea di fondo dell’area destra, crossava con Rizzo che di un soffio non riusciva a intervenire per la deviazione in rete. Al 40’ intervento in area di un difensore su Virga che, sbilanciato, cadeva a terra, facendo gridare al rigore i locali. Il direttore di gara non concedeva la massima punizione. Al 2’ della ripresa su punizione
di Romeo, Vitale respingeva, tirava Castro e il portiere deviava in angolo. Al 7’ Virga entrava in area dalla destra e produceva un tiro a pallonetto che impegnava Vitale in una prodigiosa parata. Al 14’ altra punizione pennellata perfettamente in area da Romeo dove nessun compagno riusciva ad intervenire. Nell’ultima mezz’ora il S. Croce calava di tono.

FONTE: Federico Depasquale

14 Gen

Santa Croce – Acicatena: nuovo scontro diretto in nostra assenza

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Come da comunicato ricevuto dalla Lega Sicula:

CAMPIONATO DI ECCELLENZA
Girone B
Santa Croce/Acicatena del 16.1.2011 ore 14.30
Giocasi sul campo Comunale di Santa Croce Camerina in assenza della tifoseria ospite

LA NOSTRA PERICOLOSITA’ CI PRECEDE…

COSA NON SI FA PER DANNEGGIARCI... MAH!

8 Gen

Spadaforese – Acicatena 1-4: si comincia col botto

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1
SPADAFORESE: Frazzica; Broccio, Pagliarin (56° Scibilia, 66° La Spada), Durante, Giglio; Chimirri, Vitale (46° La Macchia), D’Arrigo; Tavilla, Mento, Cucè. Allenatore: Santino Errante

ACICATENA: Vitale; Trovato, Platania (66° Sanfilippo), Femiano F., Zappalà; Tringali (75° Napoli), Reale (73° Barbagallo), Fornaio; Ierna, Di Mauro, Reitano. Allenatore: Lucio Tosto

ARBITRO: Fabbro Riccardo di Roma 2 (Giunta Giuseppe Maria e Balzarini Sergio entrambi di Enna)

RETI: 5° e 48° Ierna (A), 62° Di Mauro (A), 64° rig. Femiano (A), 77° D’Arrigo (S)

Venetico Marina (ME) -  L’anno nuovo si apre per la Spadaforese con una pesante sconfitta interna ad opera di un Acicatena ben registrato nei reparti, spigliato, concreto. Doveva essere per i locali un avversario abbordabile, quello etneo, si è rivelato invece con una marcia in più, ancorché dotato di una coppia d’attacco come Ierna e Di Mauro, in grado di godersi al meglio la giornata, anche in virtù di
servizi preziosi dalle fasce. Ed è stato un disastro per la difesa locale, dove hanno fatto capolino ingenuità e malintesi, rivelatisi esiziali, pienamente sfruttati da un complesso ancora imbattuto fuori casa. Per i ragazzi di Errante, non in giornata, peraltro schierati con l’unica punta disponibile (Tavilla), non resta che l’attenuante di non aver potuto presentare la formazione tipo e l’ennesima beffa patita appena in apertura con il gol a sorpresa di Ierna (5’), abile a controllare in area una palla rinviata dalle retrovie e a sorprendere con il riflesso tipico del bomber il suo diretto controllore e il portiere, decisamente assonnati. I catenosi fanno le prove del raddoppio su angolo di Fornaio (11’) con palla che picchia sulla traversa e vanno vicini al gol (16’) con una fuga di Di Mauro, che coglie l’esterno delle rete. La Spadaforese si propone con alcuni angoli e si avvicina al pari con Vitale che al 28’, ricevuta palla da Mento si incarta. Fa le prove allora Tavilla, fermato in area in maniera non proprio pulita.

Si spera nella ripresa che si apre con un tiro di Tavilla, deviato in angolo daVitale (47’), ma è fuoco di paglia subito spento (48’) da una micidiale ripartenza Tringali-Fornaio-Ierna, tanto bella da far passare inosservato un sospetto fuorigioco in fase di impostazione. La Spadaforese accusa il ko, barcolla, ma non mostra adeguata reazione. Non solo manca la lucidità, ma anche la testa come dimostra l’assurdo nervosismo di La Macchia, che scarica a gioco fermo una palla su avversari a terra facendosi espellere (59’). In 10 c’è poco da sperare, anche perché intanto si riacutizza la contrattura per Fabio Scibilia, da poco gettato in mischia. Non può sorprendere il “buco” lasciato da gente esperta, come Broccio e Giglio, a Di Mauro (62’). Gli ospiti fanno poker su rigore con capitan Femiano per fallo su Reitano. La rete della bandiera arriva al 77’ con D’Arrigo con un pallonetto dalla distanza.

FONTE: Franco Alacqua

25 Dic

BUON NATALE DAI BOYS 02 ACI CATENA

Pubblicato da -Zeo-

buon natale

18 Dic

Acicatena – Ragusa 0-1: brutto scivolone “interno”

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Platanìa, Femiano, Reale; Napoli (1’ st Novello), Barbagallo (31’ pt Brancato), Fornaio, Trincali; Di Mauro, Costanzo. Allenatore: Lucio Tosto

RAGUSA: Iacono; Gona, Maltese (28’ st Sigona), Chiaramente, Vindigni; Sapienza, Arena, Pellegrino; La Vaccara (28’ st Milazzo), Elamraoui (42’ st Linguanti), Aiello. Allenatore: Corrado Vaccaro

ARBITRO: Poma Lorenzo di Trapani (Gioè Alessio e Alecci Stefano entrambi di Messina)

RETI: Arena (R)

NOTE: gara giocata sul campo neutro di Trecastagni a porte chiuse. Ammoniti: Napoli , Di Mauro, Vitale, Vindigni e Aiello. Angoli 5-2 per il Ragusa. Recupero 1’ e 4’.

Trecastagni (CT) – Chiusura d’anno amara per l’Acicatena che, sul neutro di Trecastagni, perde di misura e cede l’intera posta in gioco a un Ragusa non certo brillante per tutti i novanta minuti, ma più incisivo e determinato a difendere il risultato.

Nella prima frazione di gioco gli uomini di mister Vaccaro hanno preso con calma le redini dell’incontro, tenendo palla a centrocampo ed affondando a tratti con qualche incursione di Arena e Elamraoui che, soprattutto sugli spazi laterali, hanno dato filo da torcere ai locali. L’undici catenoto, dal canto suo, sembrava non crederci più di tanto, giocando una gara poco lucida, senza riuscire ad impensierire l’avversario. Nei primi quarantacinque minuti la prima e unica azione dell’Acicatena si registra al 9’ con Costanzo che ci prova dalla destra, ma Iacono para in tuffo. La rete degli ospiti arriva al 22’, Elamraoui è bravo a recuperare la sfera dopo due rimpalli e a servire Arena che senza difficoltà insacca in rete. Al 29’ gli iblei sprecano una buona occasione per raddoppiare: Arena serve Aiello, ma la sfera non inquadra lo specchio della porta. Un minuto dopo, sugli sviluppi di un calcio di punizione, ci prova Arena, il pallone finisce di poco fuori. Nella ripresa il gioco si fa più lento e latitano le azioni degne di nota. Al 16’ Femiano si incarica di battere un calcio di punizione, sulla sfera arriva Di Mauro, ma il suo tiro finisce direttamente tra le mani dell’estremo difensore ospite. Al 21’ ci riprova Di Mauro, ma sbaglia scivolando a due passi da Iacono che blocca facilmente. I biancorossi sembrano recuperare un lieve moto d’orgoglio nei quattro minuti di recupero concessi dal signor Poma di Trapani, ma la fortuna non gira dalla loro parte e al triplice fischio è il Ragusa a festeggiare ed a guardare con più fiducia, dopo la sosta natalizia, la prossima sfida casalinga con il Belpasso.

FONTE: Grazia Scuderi

16 Dic

Acicatena – Ragusa: inizia il girone di ritorno

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Inizia il girone di ritorno per i biancorossi catenoti che ritornano sul neutro di Trecastagni per la sfida contro il Ragusa, 4° in classifica e deciso a rilanciarsi in questo girone di ritorno per conquistare la tanta agognata promozione in serie D.

Partita scorbutica quindi per i catenoti che si presentano, comunque, col morale alto alla sfida visto il buon fine di girone d’andata dove si è raggiunta quota 19 punti, in piena media salvezza, ed un’ottavo posto in classifica che con tutti i problemi d’inizio stagione sembrava quasi una chimera. Unico neo, l’assenze per squalifica di Trovato anche se, come sappiamo tutti, la formazione catenota ha fatto sempre di necessità virtù bloccando quasi sempre in questa stagione tutte le formazioni d’alta classifica. Gli iblei, dal canto loro, hanno avuto un andamento incerto durante il girone d’andata nonostante la buona campagna acquisti estiva (Vindigni, Arena, La Vaccara) e il cambio d’allenatore (da Lucenti a Vaccaro). Ma con i rinforzi di dicembre (Chiaramonte, Aiello ed Elamraoui) puntano diritti alle prime posizioni della classifica, facendo a meno di Pellegrino, Milazzo e Sapienza appiedati dal giudice sportivo per la gara di sabato.

Partita dunque ricca di spunti ma che, purtroppo, nessuno potrà assistervi vista l’ancora lunga squalifica del terreno amico del “Polivalente”. Non ci sarà altro che accendere le radio e collegarsi ai computer sperando nell’arrivo di qualche punticino per raggiungere la nostra salvezza.

-Zeo-

14 Dic

Acicatena – Enna 1-1: finisce bene il girone d’andata

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Platanìa, F. Femiano, Zappalà; Barbagallo, Roccazzella (14’ st Novello), Fornaio, Brancato (24’ st Reale); Di Mauro, Costanzo. Allenatore: Lucio Tosto

ENNA: Semprevivo; Cardile, Patelmo, Carastro, Calo; Buoncompagni, Fiaccaprile, Bertuccio, Ierna; Nasonte (41’ st Presti), Alessandro (37’ st Rinaldello). Allenatore: Angelo Greco

ARBITRO: Giampiero Vitale di Palermo (Marco Iapichino e Vincenzo Donzello entrambi di Siracusa)

RETI: Costanzo (A), Patelmo (E)

NOTE: Gara giocata al “Comunale” di Pedara (CT) a porte chiuse
PEDARA – Un gol per tempo decide le sorti di una gara equilibrata e che ha fatto registrare poche azioni pericolose. Il cronometro
non aveva ancora segnato il primo minuto che i padroni di casa siglano il vantaggio con Costanzo, abile ad insaccare senza difficoltà alla sinistra della porta un assist di Brancato. Il pareggio degli uomini di mister Greco arriva al 10’ del secondo tempo siglato da Patelmo che, sugli sviluppi di un calcio di punizione, non sbaglia e spedisce il pallone nell’angolino destro della porta. Dopo nulla più, con le due squadre che hanno preferito difendere il pareggio che rischiare.

Fonte “GAZZETTA DEL SUD”

8 Dic

Trecastagni – Acicatena 2-3: prima e pesante vittoria esterna

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

TRECASTAGNI: Saia; Spartà, Fascetto, A. Femiano, Gangemi; Daidone, Aperi (46′ Garrasi), Russo (65′ Indelicato); Tomarchio, Montalto, Crisafulli (46′ Antenucci). Allenatore: Gaspare Cacciola
ACICATENA: Vitale; Sanfilippo, Trovato, F. Femiano, Zappalà; Tringali, Reale (71′ Barbagallo), Fornaio (86′ Napoli), Novello (65′ Roccazzella); Brancato, Di Mauro. Allenatore: Lucio Tosto
ARBITRO: Maddocco di Messina (Amato e D’Antone entrambi di Catania)
RETI: 21′ Fornaio (A), 23′ Montalto su rig. (T), 31′ Brancato (A), 40′ Novello (A), 66′ Montalto su rig. (T)

Trecastagni (CT) – Grandissima prestazione odierna per i biancorossi catenoti che, conducendo una gara attenta e molto propositiva, sbancano il terreno del Trecastagni e si avviano all’ultima gara del girone d’andata a quota 18 punti, media perfetta per una salvezza tranquilla posta come obbiettivo stagionale dalla dirigenza.

Dopo l’iniziale studio da parte delle due squadre, la partita comincia a farsi scoppiettante dopo circa venti minuti grazie al goal di Fornaio che insacca la palla in rete da posizione ravvicinata. Neanche il tempo di gioire che dopo un minuto il Trecastagni pareggia grazie al rigore, per trattenuta in area, realizzato dall’ex Montalto. Ma un’Acicatena mai domo non si disunisce e anzi fa sua la partita in pochi minuti grazie al terribile uno-due realizzato dal giovanissimo Brancato (grandissima prestazione la sua oggi) che mette di testa la palla in rete su punizione del solito Fabio Femiano e dall’eccezionale goal di Novello che incuneandosi in area, con un tocco vellutato sullo stretto, si libera di due avversari e mette lemme lemme la palla in rete per il delirio di noi ultras. Nel secondo tempo la partita cambia volto, con l’Acicatena ad amministrare tranquillamente il vantaggio acquisito e il Trecastagni che dannandosi l’anima riesce ad arrivare al 2-3 con un rigore dato molto generosamente dallo scadente arbitro Maddocco di Messina. Dopo il rigore solo confusione in campo e in sostanza la partita scivola alla fine sancendo la prima vittoria esterna stagionale per la formazione catenota.

Noi ultras siamo presenti in circa in 30 unità sistemati nella tribuna centrale dell’impianto trecastagnese. Nessuna forma di tifo ne niente di niente, solo presenza dietro le panchine e incitamento ai singoli giocatori per tutto l’incontro, alternandolo a qualche battuta con i vari giocatori e dirigenti di casa…

-Zeo-

FOTO:

Locandina della partita odierna

1

Saluto a centrocampo delle squadre

2

Esultanza dopo il primo goal di Fornaio

3

7 Dic

Trecastagni – Acicatena: sfida salvezza d’alta importanza

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA

Neanche il tempo di riposarsi e staccare la spina dalla partita contro la capolista che i biancorossi si trovano proiettati al turno infrasettimanale sul terreno del Trecastagni contro la formazione gialloblù di casa.

Partita molto delicata, dal sapore di spareggio salvezza, tra le due formazioni etnee che si trovano in classifica separate da un solo punto anche se, per la formazione allestita, il Trecastagni dovrebbe essere una di quelle squadre che lotta per un posto quanto meno nei play-off. Se poi aggiungiamo che in formazione militano vari ex biancorossi come Alfredo Femiano (sfida in famiglia domani contro Fabio, difensore biancorosso), Daidone e Gangemi la sfida s’infittisce sempre di più assumendo toni molto interessanti. Come già scritto da altre parti, speriamo che questa “giovane e rognosa” squadra catenota sappia fare il proprio dovere anche domani…

5 Dic

Acicatena – Biancadrano 0-0: ottimo pareggio contro la capolista

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

ACICATENA: Vitale; Pecorino, Platanìa, Femiano, Sanfilippo; Napoli, Bianca, Fornaio ( 83′ Tringali ), Barbagallo; Ierna, Costanzo ( 60′ Reale ). Allenatore: Lucio Tosto
BIANCADRANO: Linguaglossa; Fichera, Licciardello, Arena, Cristaldi; Scalia, Cunsolo, Orofino; Lo Coco ( 50′ Costa ), Battiato ( 66′ Berbiglia ), Lasmè ( 53′ Strano ). Allenatore: Pippo Strano
ARBITRO: Fossanova di Milano (Bongiardina e Runza entrambi di Siracusa)

NOTE: ammoniti: 8′ Arena, 25′ Lasmè, 30′ Sanfilippo, 33′ e 60′ Platania, 37′ Battiato, 51′ Costanzo, 65′ Strano, 67′ Orofino, 97′ Binaca. Espulsi: 60′ Platania, 80′ Ierna, 82′ Strano. Si è giocato a porte chiuse. E’ stato allontanato dal rettangolo di gioco il presidente dell’Acicatena, Sebastiano Strano, che sedeva in panchina. Calci d’angolo 5 per parte.
Sant’Agata li Battiati: E’ difficile scrivere di una gara di calcio, quando di calcio non se n’è visto; tra Acicatena e Biancadrano si è giocato solo sprazzi del primo tempo, poi il nervosismo ha avuto la meglio sullo sport.
Conclusioni nello specchio poche, emozioni quasi nulle, ma tanta aggressività che nulla ha a che vedere con il gioco del calcio. Il taccuino del direttore di gara milanese Fossanova quasi non bastava a contenere i nomi di tutti i giocatori finiti tra i cattivi; tre espulsi, nove ammoniti, gara temporaneamente sospesa al 75′ per rissa sul rettangolo di gioco, e tantissime interruzioni decretate dalla terna per falli, proteste e contatti di ogni genere.
Uno spettacolo indegno, tra due squadre che più che giocare a calcio hanno tentato in tutti i modi di suonarsele; chi si aspettava una gara spettacolare e sentita tra due squadre lontane in classifica e separate da tante posizioni, è rimasto deluso. A Sant’Agata li Battiati si è assistiti ad una corrida.
La storia della gara; il Biancadrano voleva proseguire la marcia di vittorie intrapresa in campionato, e così allungare la distanza dalle inseguitrici, mentre l’Acicatena cercava punti importanti per arricchire la propria classifica che non è del tutto rasserenante; ne è uscita una gara equilibrata finché si è pensato a giocare, poi la tattica, la tecnica, e lo scontro leale hanno lasciato spazio alla concitazione.
Ad inizio gara i valori in campo sembravano invertiti, l’Acicatena teneva il pallino del gioco mentre gli ospiti si limitavano a rubare palla e a ripartire; Costanzo uno dei migliori, al 11′, al 12′ e al 15′ si rendeva tre volte pericoloso: prima si involava sulla corsia di sinistra e veniva steso, poi provava il tiro ma la conclusione terminava alta sopra la traversa e poi serviva un perfetto assist a Barbagallo che di testa mandava la palla sulla traversa. L’inizio dunque è stato tutto catenoto, mentre la capolista sembrava in difficoltà; Battiato sembrava voler suonare la carica ma Vitale rispondeva con un miracolo e sventava il possibile vantaggio ospite. Al 23′ Orofino ci provava dalla lunga distanza ma la sfera finiva abbondantemente fuori. Allo scadere del primo tempo Ierna concludeva da fuori area ma Linguaglossa intercettava, e di fatto su questo tiro terminava il primo tempo e anche la partita.
Al rientro dagli spogliatoi Strano tentava le mosse Costa e Strano, ma i cambi non sortivano gli esiti sperati, considerato che per tutto il secondo tempo non si assisteva ad un tiro nello specchio; poi è stata solo tensione e nervosismo. Il pari serve solo all’Acicatena, mentre per il Biancadrano è un’occasione persa.

FONTE “LA SICILIA”

3 Dic

Acicatena – Biancadrano: crocevia importante tra mercato e classifica

Pubblicato da -Zeo-

ACICATENA biancadrano

Partita importante quella che attende i biancorossi catenoti contro la capolista Biancadrano, squadra nata quest’anno dalla fusione delle ceneri dell’Adrano Calcio retrocessa dalla serie D e del Biancavilla. La sfida si terrà, come sempre purtroppo fino a marzo, in campo neutro a porte chiuse a Sant’Agata li Battiati (CT).

Crocevia importante quindi per l’Acicatena, reso ancor più difficile visto l’impazzarsi in questi giorni del calciomercato che sta rivoluzionando un pò gli oraganici delle squadre di Eccellenza. Da parte catenota alle cessioni dei fratelli Aleo e della punta Abate, si è risposto con gli acquisti del centrocampista Tringali (un ritorno per lui visto lo scorso campionato in serie D con la formazione catenota) e dell’attaccante Andrea Di Mauro entrambi dal Trecastagni; il Biancadrano invece, puntando dritto alla conquista della serie D, ha rinforzato notevolmente l’organico con gli acquisti di Santo Orofino (ex Belpasso) e dei due bomber Gaetano Lo Coco e Daniele Costa, fino allo scorso anno (e da ben 10 anni di fila) anima e simbolo proprio dell’Acicatena Calcio. Partita quindi che si arricchisce di carica emotiva e che si prospetta molto scoppiettante… peccato solo non assistervi!

-Zeo-

28 Nov

Città di Vittoria – Acicatena 0-0: pareggio giusto ed importante

Pubblicato da -Zeo-

Tabellino1

CITTA’ DI VITTORIA: Alonzo; Pantè, Bruno, Privitera C. (36’ st Patti), Alderuccio; Nobile, Privitera S., Ciscardi; Romeo, Cordaro, Caputa. In panchina: Aglianò, Ardizzone, Ferro, Palazzolo, Boemia, Balestrieri. Allenatore: Giovanni Campanella
ACICATENA: Vitale; Pecorino, Platanìa, Femiano, Gerbino; Trovato, Novello (42’ st Napoli), Fornaio, Barbagallo (44’ st Bianca); Abate, Reitano (27’ pt Costanzo). In panchina: Esposito, Sanfilippo, Brancato, Cavallaro. Allenatore: Lucio Tosto
ARBITRO: Alessandro Rotolo di Palermo (Luigi Giardina di Caltanissetta e Giovanni Balletti di Agrigento)

Vittoria (RG) – Punto pesante per l’Acicatena in quel di Vittoria. La formazione catenota riesce a strappare un pareggio prezioso contro una grande di questo campionato, nonostante le tante assenze importanti di formazione, Ierna e Roccazzella su tutte. Partita senza grandissime emozioni con il leit-motive stabile del Vittoria, oggi in maglia biancoverde, a fare la partita e l’Acicatena a difendersi con ordine in difesa (bella prestazione del duo Platanìa – Fabio Femiano) e cercare di colpire in contropiede l’avversario, anche se a parte qualche bello spunto di Reitano prima e Costanzo poi non c’è molto da segnalare. L’unica occasione degna di nota è il rigore (un pò troppo generoso forse) che il Vittoria sciupa con la sua punta di diamante Cordaro che si fa ipnotizzare dal bravo Vitale che ha indovinato l’angolo giusto ed ha indotto l’attaccante vittoriese ad alzare il tiro sopra la traversa all’ultimo secondo.

Come sempre, noi ultras ci mettiamo in viaggio per raggiungere Vittoria (oggi eravamo in 15) posizionandoci nel settore ospiti senza pezze, striscioni e bandiere. Buon primo tempo di tifo “all’inglese” a sostegno della squadra mentre nel secondo si cala un pò sia per le gole in fiamme e sia per il freddo e la pioggia che ci rovina un pò il pomeriggio. Gli ultras di casa in curva sono una cinquantina dietro gli striscioni “Ultras Vittoria”, “Ovunque Persi” e “Vittoriesi” e propongono un tifo costante per quasi tutta la partita, aiutati anche dai bandieroni molto colorati. Niente da segnalare tra noi e loro se non un nostro applauso al loro coro su Turi Ottone (ultras vittoriese morto parecchi anni fa)

-Zeo-

FOTO:

Boys 02 Acicatena sugli spalti del settore ospiti del “Comunale” di Vittoria

Vittoria

Vittoriesi presenti in curva “Turi Ottone”

Vittoriesi

Fine partita squadra sotto il settore ospiti

fine partita